cerca

Dynasty Warriors 8, guerra, intrighi ed eroi al tempo della cina medievale

Con 77 personaggi giocabili e tante modalità di gioco il titolo porta una ventata di novità nella serie.

Dynasty Warriors 8, guerra, intrighi ed eroi al tempo della cina medievale

Dynasty Warriors 8

Torna ancora una volta su Xbox 360 e PlayStation 3 la saga di combattimento, ambientata nella Cina medievale, più popolare dell'universo dei videogames e lo fa portando con se una carrellata di novità, personaggi e modalità da scoprire. Dynasty Warriors 8 trae spunto anche stavolta dal libro di Guo San, "Il Romanzo dei tre Regni" che narra le vicende e gli intrighi di uno fra i periodi più bui della storia della Cina. Mai come questa volta però il team di Tecmo Koei è riuscita a realizzare un titolo così vicino alla trama del libro, sia ricrerando le ambientazioni descritte, sia proponendo un così dettagliato racconto delle vicende che hanno coinvolto i protagonisti dell'avventura. Sebbene la formula base sia rimasta invariata, prevedendo una serie di livelli da affrontare con uno dei (questa volta ben 77) personaggi con il compito di sconfiggere gli eserciti nemici, facendosi largo sul campo di battaglia fino a raggiungere il generale di turno e vincere la missione, questa volta gli sviluppatori hanno avuto il coraggio di introdurre alcune novità, correndo il rischio di alterare quel delicato equilibrio tanto caro ai fan del brand, ma che senza dubbio ha valorizzato la saga. Nel menù principale oltre alla classica modalità campagna, in cui si potrà scegliere quale storia di una delle fazioni disponibili seguire, balza immediatamente all'occhio la nuova tipologia di gioco chiamata Ambition, che offre ai giocatori la possibilità di creare il proprio impero partendo da un semplice negozio di armi, potenziandolo a dovere e sfidando guerrieri sempre più forti con l'intento di sconfiggerli e arruolarli fra le proprie fila. L'espansione dei propri possedimenti passa per la costruzione di vere e proprie fortezze con tanto di botteghe e artigiani e di un palazzo che, una volta raggiunto il giusto grado di popolarità, può essere perfino visitato dall'imperatore in persona. Fulcro di questa modalità è l'interessante sistema di espansione del proprio villaggio: infatti per guadagnare fama, materiali e nuovi alleati bisogna scendere sul campo di battaglia e affrontare missioni differenti. Prendendo parte poi a più battaglie di seguito si avrà la possibilità di ottenere un maggior numero di risorse e ogni tre missioni svolte di continuo senza tornare alla base, apparirà un livello particolarmente impegnativo chiamato duello che, generalmente, tende a premiare il giocatore con ricompense ghiotte che offrono maggiori chance per migliorare la propria cittadina. Per i giocatori più affezionati alle origini, comunque, coma già citato sopra, è ancora presente la modalità campagna, che può essere affrontata sia nella versione storicamente "attendibile" che in una gustosa variante alternativa completamente personalizzabile. La differenza fra i due approcci è piuttosto semplice: mentre nel primo caso il giocatore è costretto a scegliere, capitolo dopo capitolo, tra una manciata di personaggi attinenti agli eventi narrati in quel momento specifico, nella versione personalizzata può usare qualsiasi combattente, avendo quindi modo di evitare sessioni nei panni di eroi poco graditi. Parlando del gameplay nudo e crudo, una volta avviata una partita ecco arrivare le prime novità: le caratteristiche inedite su cui si basa il nuovo sistema di combattimento della serie Tecmo Koei sono l'affinità tra le armi e il personaggio, lo Switch Counter, lo Storm Rush e il Rage Awakening, dinamiche che permettono di smettere di premere selvaggiamente il tasto di attacco per inserire nel proprio stile di lotta un pizzico di strategia. Ogni personaggio può portare con sé due armi differenti che può scambiare in qualsiasi momento. Per esser certi di trovarsi in vantaggio durante gli scontri con gli ufficiali nemici è importante equipaggiare l'arma con la più giusta affinità. Quando si incontra un ufficiale in svantaggio nei confronti della nostra arma, infatti, è possibile contare su un incremento dei danni inflitti e, attivando lo Storm Rush, seppellire il povero malcapitato sotto a una tempesta di attacchi devastanti. Quando ci si trova in svantaggio, invece, si può contare sulle Switch Counter, una serie di contromosse eseguibili cambiando arma con il giusto tempismo, in modo da bloccare gli attacchi dell'avversario e ribaltare la situazione. Combattendo senza sosta, poi, è possibile riempire l'indicatore chiamato Rage che, una volta completato, causa un importante aumento delle capacità di combattimento del proprio eroe, permettendo di rilasciare devastanti tecniche "Musou" (ovvero mosse speciali in grado di uccidere un largo numero di nemici) particolarmente belle da vedere e che, se gestite con intelligenza, sono anche prolungabili per periodi di tempo piuttosto lunghi. Dal punto di vista grafico il lavoro svolto dal team Tecmo Koei è senz'ombra di dubbio il migliore di tutta la serie: le ambientazioni di gioco sono molto dettagliate, i personaggi che compongono gli eserciti e gli stessi generali sono stati ricreati con una devozione particolare e i giochi di luce sono davvero splendidi da vedere. Al momento del lancio la versione Xbox 360 era afflitta da un problema di rallentamento delle immagini quando c'erano troppi combattenti sullo schermo, ma fortunatamente è già stata rilasciata una patch che ha risolto questo disguido tecnico che rendeva il titolo ingiocabile sulla piattaforma di Microsoft. Dal punto di vista dell'audio Dynasty Warriors 8 propone una colonna sonora esaltante e gli ottimi rumori di background già ascoltati nei capitoli più recenti. Il prodotto è interamente parlato in inglese, ma i sottotioli, sempre in lingua inglese, riescono comunque a rendere l'esperienza di gioco comunque di più facile comprensione. Tirando le somme si può con certezza affermare che i ragazzi di Tecmo Koei hanno portato una ventata di aria fresca nell'universo della serie. Dynasty Warriors 8 è un gioco che rimane nel cuore e che, vista l'innumerevole quantità di cose da fare, terrà gli utenti impegnati per ore ed ore.

GIUDIZIO GLOBALE:

GRAFICA: 8,5

SONORO: 8

GAMEPLAY: 8

LONGEVITA': 9

VOTO FINALE: 8,5

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni