cerca

VERSO LA RICONFERMA

Bankitalia, il candidato di Gentiloni è Visco

Bankitalia

Banca d'Italia

La strada è segnata. Il premier Paolo Gentiloni ha inviato al Consiglio superiore di bankitalia la lettera con la sua indicazione per il prossimo governatore. Un solo nome, quello di Ignazio Visco, che si avvia dunque al secondo mandato. Un rinnovo nonostante le polemiche sollevate dalla mozione di sfiducia del Pd, con Matteo Renzi che ancora ripete: "Per me chi sbaglia paga, ma il nome che verrà dato avrà tutto il nostro rispetto".

Domattina il Consiglio si riunirà alle 8.30 per esprimere il suo parere, necessario ma non vincolante. Alle 11 a Palazzo Chigi il governo delibererà sulla nomina, che spetta al presidente della Repubblica che emanerà un suo decreto. Un passo che non riserva sorprese, visto che il Colle ha caldeggiato la riconferma dell'economista napoletano. Il 31 ottobre Visco è atteso all'annuale giornata del risparmio, cui parteciperà anche il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan: sarà l'ultimo giorno del suo primo mandato e anche la prima uscita del secondo.

Nessuna sorpresa, dunque. Alla fine la crisi interna al Pd è stata non sanata ma risolta alla meglio, con il premier Gentiloni e il capo di Stato Sergio Mattarella che hanno tenuto duro, nonostante il clamore suscitato dalla mozione parlamentare e dalle parole di Renzi. Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan l'ha ripetuto ancora mercoledì nel question time alla Camera che le decisioni del presidente del Consiglio "saranno basate sulle prerogative a lui attribuite dalla legge e ispirate esclusivamente al criterio di salvaguardia di autonomia dell'Istituto".

Autonomia dalla politica in primis, dopo le 'pressioni' dal Pd condannate come un'ingerenza del partito di maggioranza in una scelta che non lo riguarda. Renzi incassa, ma non molla. "Rispetto la filiera istituzionale e il nome che oggi verrà dato avrà tutto il nostro rispetto. Ma in questi sei anni bankitalia è stata un punto di debolezza e non di forza", ha detto a Radio Capital. "Io non dico che ha fatto finta di non vedere, dico che non ha funzionato. Per me chi sbaglia paga, se si ritiene che valga la pena confermare Ignazio Visco mi auguro che i prossimi sei anni siano migliori dei precedenti", ha osservato. E non è escluso che domani i ministri più vicini al segretario Pd facciano sentire la loro voce in Cdm. Critico anche Enrico Zanetti di Scelta civica: "La conferma rappresenta un fatto eccezionale che può dipendere da un giudizio eccezionalmente positivo. Se è questo il giudizio del Premier Gentiloni e dei suoi Ministri, se ne assumeranno la responsabilità davanti ai cittadini italiani insieme naturalmente ai loro partiti". Danilo Toninelli del M5s vede l'inciucio tra i Dem: "La recita del poliziotto buono (Gentiloni) e di quello cattivo (Renzi) si chiude con la conferma di Visco. Sono dei fenomeni del bluff".

Intanto cresce l'attesa per l'audizione che il governatore terrà in commissione di inchiesta sulle banche, che dovrebbe essere calendarizzata dopo quella di Carmelo Barbagallo, capo del dipartimento per la vigilanza bancaria e finanziaria della Banca centrale italiana, già fissata per il 2 novembre.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Clochard accoltella poliziotto: paura in via Appia Nuova

"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...", intervista esclusiva a Ciro Immobile
Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente
Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie

Opinioni