cerca

LA LETTERA ALLA COMMISSIONE UE

Manovra confermata, aumentano benzina e tabacchi

Manovra confermata, aumentano benzina e tabacchi

Padoan

La manovra è confermata. E anche come sarà composta: più tasse e meno spese. La ricetta è sempre la stessa: a pagare saranno automobilisti e fumatori visto che con elevata probabilità aumenteranno le accise su benzina e tabacchi. Unica consolazione se la UE sarà comprensiva sono i tempi. Forse i rincari potrebbero partire non subito e posticipati
nel secondo semestre 2017. In attesa che arrivi qualche buona notizia sul fronte del pil 2017.

La lettera inviata ieri dal ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan alla Commissione europea adesso sarà oggetto di attenta analisi della Commissione stessa che dovrà prendere decisioni nelle prossime settimane. O accettare il compromesso proposto dall'Italia e cioè: manovra sì ma non subito. Oppure, nell'ipotesi peggiore, avviare le pratiche per la procedura di infrazione per deficit eccessivo. 

Nell'attesa lettera in risposta alla missiva inviata nei giorni scorsi dalla Commisione Ue, che chiedeva un aggiustamento ulteriore del deficit del 2017 di 0,2 punti percentuali di Pil, circa 3,4 miiliardi di euro, Padoan aveva spiegato che l'Italia è pronta a continuare sulla strada del consolidamento dei conti, purché sia «favorevole alla crescita» e non «autolesionista» in un contesto di «accresciuta incertezza economica e geopolitica». 

In sostanza il governo chiude la porta a una manovra correttiva, che «colpirebbe» la ripresa italiana, ma promette a Bruxelles un rafforzamento delle misure per la lotta all'evasione e ulteriori risparmi da una intensificazione della spending review. Secondo il Mef la politica fiscale italiana, sia per il 2017 sia per i prossimi due anni, è «pienamente» conforme al Patto di stabilità e crescita. Via XX Settembre considera la stabilizzazione del debito pubblico un risultato «più che soddisfacente», considerando il quadro economico globale e i rischi che arrivano anche dalle politiche del presidente Usa, Donald Trump, e dalla Brexit.

Il governo italiano «intende continuare nel quadro di un consolidamento favorevole alla crescita e delle riforme strutturali» in quanto «un eccessivamente accelerato ritmo di aggiustamento colpirebbe l'economia in un momento di accresciuta incertezza economica e geopolitica, correndo il rischio di un consolidamento autolesionista», scrive Padoan. Nella lettera Roma precisa che il governo rientrerà nel quadro della riduzione del deficit con uno «sforzo strutturale» per un quarto da tagli alla spesa e per tre quarti da maggiori entrate.


Il Mef parla di «tassazione indiretta, accise e ulteriori miglioramenti delle politiche recentemente adottate, con risultati soddisfacenti, per aumentare la raccolta di entrate». Fonti del Ministero precisano che tra queste misure è escluso un aumento dell'Iva, mentre le politiche «recentemente adottate» fanno riferimento sorattutto a reverse charge e split payment.


Anche l'aggiustamento potrebbe essere inferiore ai 3,4 miliardi stimati. Infatti l'entità sarà definita alla luce dei dati sul Pil 2016 che saranno resi noti dall'Istat a metà febbraio. Padoan, scrivendo direttamente al commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, e al vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, ricorda anche i costi che l'Italia dovrà affrontare per il terremoto che ha colpito il Centro Italia. «All'attuale stato preliminare non possiamo pienamente valutare l'impatto dei recenti eventi sismici sulle finanze pubbliche, ma sembra essere a oltre 1 miliardo di euro già nel 2017», dice il ministro, che annuncia la prossima creazione di un fondo ad hoc per mobilitare risorse per il terremoto.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Maturità, Fedez: Cosa avresti scelto? "Non so, non l'ho fatta"

 Décolleté e micro-bikini Cristina Buccino sirena hot a Formentera
Il topless super sexy di Brittny Ward, la fidanzata del pilota Jenson Button
Nonnino di 80 anni in contromano in autostrada nel Genovese