cerca

SCOMPARSO A 84 ANNI

Addio a Gianni Boncompagni, genio rivoluzionario della tv

Addio a Gianni Boncompagni, genio rivoluzionario della tv

È stato un innovatore della radio e della tv, uno scopritore di nuovi talenti, ma anche l'autore di alcune hit musicali "Ragazzo triste" di Patty Pravo e "Il mondo" di Jimmy Fontana e dei successi della della Carrà, da "Tuca tuca" a "Tanti auguri" a "A far l?amore comincia tu". Gianni Boncompagni si è spento a 84 anni nella sua casa di Roma. Da tempo non stava bene. A dare l'annuncio sono state le figlie Claudia, Paola e Barbara. La camera ardente si terrò martedì nella storica sede Rai di via Asiago 10, dove per anni ha lavorato.

Il varietà
Autore e conduttore di programmi cult, come "Alto Gradimento", "Bandiera Gialla" per la radio, e per la televisione di "Pronto, Raffaella?", "Domenica In", "Non è la Rai" e "Carramba", Boncompagni era entrato in Rai nel 1964 vincendo il concorso da programmatore di musica leggera. Era appena rientrato dalla Svezia, dove si era trasferito a 18 anni, per poi diplomarsi all'Accademia di grafica e fotografia. Grande appassionato di musica, con un debole per la classica, nei 10 anni trascorsi a Stoccolma aveva lavorato come conduttore per la radio svedese.

Tornato in Italia, la sua carriera decolla subito grazie al sodalizio con Renzo Arbore con cui firma i programmi radio "Alto Gradimento", "Bandiera Gialla". Nel 1977 debutta in tv con "Discoring", destinato al pubblico giovane, che rimane in palinsesto fino al 1989. Sua l'idea del primo show a conduzione femminile "Pronto, Raffaella?" (1984), che lancia la Carrà e "Pronto, chi gioca?" (1985) con Enrica Bonaccorti. Dall'87 per tre stagioni firma "Domenica In", dove debutta Marisa Laurito.

La carriera dalla Rai a Mediaset
Nel 1991 Boncompagni passa a Mediaset, dove realizza "Primadonna", condotto da Eva Robin's e soprattutto "Non è la Rai", con Enrica Bonaccorti e Antonella Elia. Nel 1995 tra le ragazze compare un nuovo volto destinato a lasciare il segno: Ambra Angiolini, che Bongompagni definì dubito "un animale da palcoscenico". Con lei ci sono anche Claudia Gerini, Laura Freddi, Isabella Ferrari, Nicole Grimaudo, Miriana Trevisan e Alessia Merz. Boncompagni collabora anche alla realizzazione di "Casa Castagna", presentato dal conduttore scomparso nel 2005, poi fa ritorno alla Rai, dove firma "Macao" con Alba Parietti. Tra i suoi successi, nel 2002 si annovera "Chiambretti c'è'. Dopo un periodo a La7, Boncompagni nel 2008 firma "Carramba che fortuna" con Raffaella Carrà, in onda su Rai1.

La tv in lutto
Molti i messaggi di cordoglio. Renzo Arbore ha ricordato l'amico con la voce rotta dalla commozione. "Gianni mi insegnava tante cose - ha detto - Ci siamo sempre intesi, non abbiamo mai litigato, ci siamo divertiti moltissimo e adesso non ci divertiamo più". Anche Pippo Baudo ha ricordato il suo "grande amico", sempre "ironico e gentile". "Me lo ricordo ai primi tempi della sua carriera, quando era appena arrivato dalla Svezia - ha aggiunto - Girava sempre con una macchina fotografica al collo. Insieme abbiamo trascorso molte belle serate". Ambra ha ringraziato Boncompagni con un tweet: "Grazie da una ragazzina normale - ha scritto - che tu hai fatto in modo che crescesse con il coraggio di essere diversa da tutto, nel bene e nel male". Fiorello, sempre sul social network, ha scritto: "Andarsene nel giorno di Pasqua! Come sempre mai banale... ciao Grandissimo Genialissimo Gianni!!!". E per Alba Partietti a Boncompagni "andrebbe data una medaglia della televisione". Anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha ricordato Boncompagni come "un artista che ha rivoluzionato, con garbo e ironia, gli schemi dello spettacolo, della televisione e della radio italiana".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • 17:05, 17 Aprile 2017

    Plinio

    Ciao Gianni. Mi piace ricordarti quando eravamo alle elementari e nello stesso rione di Saione ad Arezzo. Eri più giovane di me di appena un mese e mezzo. Fu la guerra a portarmi da Firenze ad Arezzo presso lo zio militare di carriera come lo era tuo padre. Ciao ancora e perché no! A presto.

    Rispondi

    Report

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni