cerca

Per il Grande fratello<br/>il "medico" è letale

Per il Grande fratello<br/>il "medico" è letale

Alessia Marcuzzi

E due: la fiction di Raiuno «Un medico in famiglia» l'altra sera, numero degli spettatori alla mano, ha «strapazzato» per la seconda volta il più blasonato di tutti i reality: sua maestà il Grande fratello edizione numero 10, su Canale 5. Lunedì sera la serie con Lino Banfi e che vede il ritorno di Daniele Scarpati (che ha certamente grandi meriti) ha totalizzato, con il primo episodio, il 25,86% di share con 7.438.000 spettatori e, con il secondo episodio, il 27,30% con 6.834.000 spettatori (qualcuno tra il primo e il secondo episodio se n'è andato a letto, comunque la fiction ha saldamente tenuto in pugno le redini della serata). Il reality condotto da Alessia Marcuzzi ha ottenuto un misero misero 23,35% di share con 5.160.000 spettatori.

La scorsa settimana «il medico» ha ottenuto nel primo episodio 7.467.000 spettatori col 25,57% di share e nel secondo 7.004.000 con il 26,94 di share, mentre il reality di Canale 5 ha totalizzato un ascolto medio di 5.381.000 spettatori col 24,25 di share. E comunque già il primo lunedì di novembre il Gf del decennale aveva preso una sonora legnata appunto dal burattino di legno Pinocchio, sempre su Raiuno, nella versione con Gassman-Collodi e la Littozzetto-Grillo Parlante. La «battaglia» degli ascolti tra il Gf e il genere antagonista individuato da Mamma Rai per contrastarlo, cioè la fiction, ormai da tempo è un combattimento corpo a corpo con il quale si conquista ogni singolo ascoltatore.

Al Gf9, l'edizione precedente, Raiuno oppose, a gennaio 2009, la bella fiction «Il bene e il male», con Gianmarco Tognazzi e Marco Falaguasta. Il popolare Gf vinse sul thriller cerebrale, ma la distanza tra i due programmi non vide cifre stratosferiche. Già si preparava la rivoluzione. Infatti con fiction più naïf (e Pinocchio e Lino Banfi sono il meglio mondiale del naïf) la Rai ha ingranato la quinta ed ha effettuato il sorpasso. Siamo molto, molto, molto lontani dalle serate trionfali del primo Grande fratello, quello con la «bagnina» ed «ottusangolo», che offriva al vincitore 250 milioni di lire (era il 2000, bei tempi quelli) e totalizzava undici e più milioni di ascoltatori sfondando la vetta del 40 per cento di share.

Oggi il Gf tiene saldamente in pugno (ma per quanto ancora?) solo i giovani: nella fascia 15-24 anni l'altra sera ha registrato il 32,65 per cento, in quella 25-34 il 31,75. Il Gf appare in crisi ed oltre al danno c'è la beffa: il programma di Alessia Marcuzzi è andato sotto due volte (e non c'è due...) scontrandosi con «Un medico in famiglia» che schiera tra i protagonisti il fidanzato della bionda conduttrice: Pietro Sermonti. Cosa è cambiato in questi anni? Perché il Gf ha perso fette così consistenti di pubblico? La risposta che si può avere andando a curiosare nei siti frequentati dai fan è che il reality ha tradito se stesso. I protagonisti non sono persone qualunque, tutto appare poco naturale, più che un reality il Gf appare un programma «recitato». E se si deve vedere un programma con degli attori è chiaro che il pubblico sceglie quello dove gli attori, almeno, sono bravi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari