cerca

Panariello alla riscossa: «Mi do al teatro La mia tv non è abbastanza deficiente»


«Sono molto emozionato per il mio debutto personale nel tempio dello spettacolo romano, dove si sono esibiti mostri sacri come Manfredi, Fabrizi, Totò e Proietti».
Lo spettacolo di Panariello è un'esilarante passerella dei suoi personaggi televisivi più famosi, da Renato Zero a Naomo, mischiati a canzoni e riflessioni leggere nella forma, ma pesanti nella sostanza. Dopo la dissertazione ironica sull'evoluzione da homo sapiens a uomo vogue Panariello conferma il suo impegno animalista a favore di associazioni come LAV e Lega del Cane con un monologo agrodolce a tratti struggente contro l'abbandono degli animali.
Nel finale battute comiche con il contagocce ma una pioggia di lacrime commosse per la straordinaria interpertazione dell'anziano che ricorda a tutti noi che «la solitudine è una prigione a cielo aperto».
«Io sono stato abbandonato in fasce e cresciuto dai nonni. Quando avevo vent'anni e mia nonna non c'era più, ricordo che vedevo il nonno giocare a briscola da solo: gli dicevo sempre "domani gioco con te". Ho sempre rimandato a domani, così oggi ho il rimpianto di non aver mai giocato quella partita».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni