cerca

A Torgiano la civiltà del vino ha il suo museo

Qui tutto ebbe inizio da Giorgio Lungarotti, un imprenditore che decise, (arrivando molti lustri prima di altri), di produrre un vino rosso di razza. Nacque così lo straordinario Rubesco «Vigna Monticchio» prodotto con uve sangiovese e lanaiolo che rappresentò, già trent'anni fa, una delle migliori espressioni enologiche italiane.
Tuttavia, il vino produce una febbre strana tanto che Giorgio Lungarotti cominciò a pensare che in quel paese doveva esserci un museo dedicato al vino. Dal vino poi passò all'olio e nacque anche il museo dell'olio. Ora, dire museo sembra evocare situazioni replicate in ogni dove; in realtà quello del vino di Torgiano risulta essere il museo più ampio, più completo, più interessante che ci sia in giro. E merita una visita, anche perchè Giorgio e Maria Grazia Lungarotti, per allestirlo, girarono personalmente mezzo mondo, tant'è che nelle stanze, visitate ogni anno da 20 mila persone, si percepisce che sotto c'è un'idea di gusto, di passione per una civiltà che è nata proprio sulla scorta del vino e dell'olio. I temi trattati dal museo e le sale espositive che vanno dalle ceramiche alle stampe sono allestite secondo lo schema: «il vino come alimento» (boccali, misure, borracce, fiasche, coppe), «il vino come medicamento» (vasi farmaceutici e manoscritti legati a essi), «il vino nel mito» (istoriati e plastici). La ricca serie di incisioni e disegni, da Mantegna a Picasso, svolge poi il tema bacchico e vitivinicolo. Torgiano infine merita una sosta per le Tre Vaselle, ristorante hotel all'avanguardia della medesima famiglia e per l'agriturismo Poggio alla Vigne (loc. Montespinello) dove sorseggiare ogni giorno un vino diverso di questa straordinaria azienda condotta oggi dalle figlie Chiara e Teresa Lungarotti: Bianco Torre di Giano, Chardonnay «I Palazzi» e i rossi Giubilante e Vessillo.
Lungarotti - Torgiano (Pg)
via Mario Angeloni 16
tel. 075 988661
www.lungarotti.it

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni