cerca

LE SCELTE DEI PARTITI

Bisogna imparare dal flop della May

Il primo ministro inglese Theresa May (LaPresse)

Piegare i processi democratici a proprio uso e consumo, illudendosi di poter prevedere o addirittura determinare con facilità il comportamento degli elettori, riserva sempre qualche imprevisto. Lo sta scoprendo sulla propria pelle in queste ore il primo ministro inglese Theresa May, spiazzata dall'esito di elezioni anticipate che avrebbero dovuto rafforzarla e invece potrebbero costarle la poltrona a Downing Street. Qualcuno, alle nostre latitudini, apprenderà qualcosa dalla lezione inglese? Capirà che non si può giocare con leggi elettorali o conti pubblici solo per le proprie ambizioni? Si renderà conto che l'irresponsabilità è puntualmente punita dagli elettori? Chissà. Magari potrebbero chiedere qualcosa alla May.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni