cerca

Nuovo video Isis: «Roma obiettivo finale»

Nel film San Pietro, Colosseo, Pantheon, piazza della Repubblica e ponte della Musica. Gli uomini del Califfo inneggiano alla conquista della Capitale, di "Costantinopoli" e di Gerusalemme

Nuovo video Isis: «Roma obiettivo finale»

isis

Il Colosseo, piazza della Repubblica, Pantheon, San Pietro e il ponte della Musica sul Lungotevere Flaminio. Sono solo alcuni dei luoghi simbolo di Roma che appaiono nell'ultimo video dell'Isis. A distanza di pochi giorni, infatti, arriva l'ennesimo filmato che contiene minacce all'Italia. Questa volta la casa di produzione è Al Waad Media, che ha pubblicato il video messaggio dello Stato islamico in Libia, "Deadline Rome". I terroristi ripetono: "Conquisteremo Roma, Costantinopoli e Gerusalemme". Roma, quindi, è "l'obiettivo finale" degli jihadisti, l'ultimo territorio di conquista. Non a caso le minacce arrivano dal gruppo che si è insediato in Libia, a significare che gli uomini del Califfato non sono lontani. In un passaggio, in particolare, si vedono anche i mujaheddin che dalle coste libiche guardano l'orizzonte rappresentato da Roma. Nel filmato sono riprese, inoltre, alcune delle agghiaccianti decapitazioni pubblicate in precedenti video, che ora fanno da sfondo all'ultimo avvertimento rivolto all'Italia. Non crediate, dicono nel video, che i "soldati di Allah" siano impegnati (in Libia) senza alcun fine. Nonostante gli ostacoli e anche grazie ai foreign fighters (volontari arrivati nel Paese nordafricano) "siamo riusciti a creare delle roccaforti anche in Libia".

 

 

La presenza del gruppo terroristico nel Paese, infatti, è una realtà che controlla varie zone. Proprio ieri Fayez al Sarraj, il premier del governo di accordo nazionale, ha comunicato che le milizie di Misurata stanno avanzando su Sirte per "sconfiggere l'Isis". Siamo sicuri che la battaglia e lo sradicamento dello Stato islamico saranno compiuti da forze libiche", ha aggiunto Sarraj, rassicurando sul fatto che "fino ad ora sono stati ottenuti buoni risultati". Dal profilo Facebook della "Rete informativa di Sirte", invece, si apprende che i miliziani dell'Isis sarebbero fuggiti dal centro di Sirte in vista dell'avanzata delle milizie di Misurata. "Stiamo assistendo ad un fenomeno strano: sono scomparsi tutti i terroristi dello Stato islamico e non sappiamo dove siano andati - si legge - Non sappiamo se si tratti di una resa senza combattere, di una trappola o di un piano per far arrivare le milizie di Misurata fino al centro della città". Nei giorni scorsi, inoltre, gli abitanti dell'importante città costiera avrebbero lasciato le loro case in previsione dei futuri violenti scontri tra le truppe libiche e gli jihadisti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro