cerca

Rabbia a Roma Sud Tutti in piazza all’Eur «Vogliamo lo zoning»

Giulia Bianconi Prostituzione, spaccio, sporcizia e abusivismo. I cittadini dell'Eur si preparano a manifestare venerdì prossimo contro il degrado. E al centro della protesta dell'associazione...

Prostituzione, spaccio, sporcizia e abusivismo. I cittadini dell'Eur si preparano a manifestare venerdì prossimo contro il degrado. E al centro della protesta dell'associazione «Ripartiamo dall'Eur», che ha organizzato il sit-in, c'è proprio anche la prostituzione, uno dei problemi più sentiti dagli abitanti del quadrante di Roma sud. Un tema che in queste ultime settimane sta dividendo i residenti. La proposta dello zoning avanzata dal presidente del Municipio IX, Andrea Santoro, quella cioè di creare su alcune strade del territorio le zone per le prostitute, ha suscitato tante polemiche, ma anche molte risposte positive. «Crediamo che si debba trovare una soluzione a questo fenomeno che ormai preoccupa enormemente i cittadini e lo zoning può essere quella giusta», spiega Paolo Lampariello, presidente di «Ripartiamo dall'Eur» che ha anche fatto da testimonial per la campagna del «Progetto #Michela» (come si faceva chiamare una prostituta romena sopravvissuta nel 2012 ai suoi aguzzini che le avevano dato fuoco alla Borghesiana). I cittadini dell’Eur si definiscono ormai «esausti e disgustati», si legge sul manifesto del sit-in di protesta preparato dai residenti che venerdì partiranno alle 17.30 da piazzale Francesco Parri, di fronte al Colosseo Quadrato, per un corteo lungo le strade del quartiere. «Vogliamo l'impedimento della prostituzione sotto casa con spettacoli indegni e umilianti», spiegano i residenti.

Intanto, c'è il timore che alla manifestazione possano esserci degli infiltrati. «Sarà un corteo pacifico», ha detto il presidente del Municipio IX Santoro aggiungendo: «L’idea originaria su cui è stato convocato il corteo è quella di chiedere maggiore impegno per combattere la prostituzione e il degrado. Temi sui quali sono impegnato ogni giorno, con proposte responsabili e risolutive anche se scomode come quella sulla prostituzione, che stiamo costruendo insieme ai comitati locali e con l'impiego delle forze di polizia. Purtroppo però abbiamo le prime avvisaglie di una strumentalizzazione da parte dei movimenti della destra più estrema che mira a inquinare una protesta legittima con il suo carico di odio verso i più deboli». Ma lo stesso Lampariello, organizzatore della manifestazione, ribadisce: «Il corteo del 21 non è politico: né di destra, né di sinistra, né di centro».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro