cerca

Caso Gregoretti, dal Senato si' al processo a Salvini

Caso Gregoretti, dal Senato si' al processo a Salvini

ROMA (ITALPRESS) - Via libera dall'Aula del Senato alla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini, presentata del Tribunale dei ministri, per il caso Gregoretti. E' stato infatti respinto l'ordine del giorno presentato da Forza Italia e da Fratelli d'Italia per ribaltare il primo si' deciso a gennaio dalla Giunta per le immunita'. L'esito numerico del voto sara' ufficializzato dopo le 19, fino a quell'ora infatti i senatori che non hanno partecipato alla votazione potranno comunicare la loro preferenza ai segretari. MoVimento 5 Stelle, Partito Democratico, Italia Viva e Liberi e Uguali avevano annunciato la loro contrarieto' all'ordine del giorno, la Lega non ha partecipato al voto, Forza Italia e Fratelli d'Italia hanno votato a favore. "Se avessi dovuto ragionare per opportunismo, per interesse personale non avrei preso la decisione che ho preso: si parla di un processo, non si parla di una passeggiata", ha detto Salvini nel suo intervento in Aula durante il dibattito. "Io ritengo di avere difeso la mia patria, non chiedo un premio, se ci deve essere un processo ci sia - ha aggiunto il leader della Lega -. Io andro' con orgoglio a rivendicare che ho difeso la mia Italia". "Rivendico con orgoglio il fatto di aver mantenuto una promessa elettorale, si sa che votando Lega avremmo fatto di tutto per evitare gli sbarchi degli immigrati clandestini, e lo abbiamo fatto insieme agli amici dei cinquestelle per piu' di un anno", ha proseguito Salvini, che si e' detto "convinto che l'archiviazione sia la fine di questa vicenda". (ITALPRESS). sat/red 12-Feb-20 15:37

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro