cerca

SARRI INIZIA A VEDERE LA 'SUA' JUVE "ULTIMAMENTE MI STO DIVERTENDO"

SARRI INIZIA A VEDERE LA 'SUA' JUVE "ULTIMAMENTE MI STO DIVERTENDO"

RIAD (ARABIA SAUDITA) (ITALPRESS) - "La partita di domani la sento come e' giusto sentire una finale. Ci teniamo". Maurizio Sarri ha voglia di sollevare il primo trofeo da allenatore della Juventus e domani, a Riad, avra' l'occasione di farlo. In palio la Supercoppa Italiana da contendere a quella Lazio che due settimane fa ha inflitto ai bianconeri la prima sconfitta stagionale ma da allora Ronaldo e soci sono apparsi in grande crescita. "Non se se siamo piu' avanti o piu' indietro ma ultimamente, in allenamento e in partita, mi sto divertendo e questo e' fondamentale - sottolinea Sarri alla vigilia - Ho la sensazione che la squadra sta giocando o sta cercando di giocare il calcio che gli ho proposto, ha ancora tanti difetti ma ci si puo' lavorare sopra e risolverli. L'obiettivo deve essere sempre utopico, in modo di avere le motivazioni per migliorarsi. Se l'obiettivo e' la perfezione saremo sempre scontenti e avremo cosi' le motivazioni per migliorare". Domani il tecnico bianconero ha quasi l'imbarazzo della scelta. "Chiellini viene da un infortunio che ha i suoi tempi e fino a febbraio non ci sara', solo lui e Khedira non sono disponibili - il punto sull'infermeria - Szczesny c'e', gli altri sono rientrati e stanno migliorando la condizione". La squadra di Inzaghi e' stata l'unica fin qui a battere i bianconeri in questa stagione. "La Lazio e' forte, fisicamente e tecnicamente - ricorda Sarri - E' incredibile che lo scorso anno non sia andata in Champions League: domani, sulla partita secca, puo' essere ancora piu' pericolosa". (ITALPRESS). glb/red 21-Dic-19 15:15

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro