cerca

INZAGHI PRONTO A GIOCARSI LA SUPERCOPPA "MA SERVE LA GARA PERFETTA"

INZAGHI PRONTO A GIOCARSI LA SUPERCOPPA "MA SERVE LA GARA PERFETTA"

RIAD (ARABIA SAUDITA) (ITALPRESS) - "Non c'e' la sicurezza di vincere ma abbiamo delle certezze. Sappiamo chi andremo a incontrare, una squadra difficilissima da battere. Speriamo che domani si possa fare una partita perfetta e portare a Roma questo trofeo". Simone Inzaghi ha voglia di arricchire la bacheca della Lazio, Juve permettendo. A poco piu' di due settimane dalla sfida dell'Olimpico vinta dai biancocelesti, le due squadre si ritrovano a Riad, in Arabia Saudita, per la Supercoppa italiana. "Siamo in un ottimo momento, veniamo da 8 vittorie consecutive in campionato, la squadra ha delle certezze - sottolinea Inzaghi - Sara' una partita differente rispetto al campionato: in 90 o 120 minuti ci si gioca il primo trofeo stagionale". Il tecnico chiede ai suoi "una gara molto attenta, sapendo che sulla carta troviamo una squadra che ha potenzialita' maggiori. Ma quello che conta e' sempre il campo e sul campo abbiamo dimostrato di essere altrettanto forti". Inzaghi e' alla quarta finale della carriera, "se sia la piu' importante non lo so. Viene pero' in un momento in cui la Lazio sta bene e ha acquisito ulteriori certezze. Vogliamo continuare la striscia positiva sapendo di dover fare qualcosa di straordinario". Che Sarri schieri o meno il tridente Dybala-Ronaldo-Higuain cambia poco. "Indipendentemente dai 2 o 3 attaccanti, incontriamo una squadra che ha grandissime potenzialita' e qualita'. In questi giorni abbiamo preparato qualsiasi evenienza, quello che ho raccomandato alla squadra e' di fare una partita concentrata", insiste Inzaghi. (ITALPRESS). spf/glb/red 21-Dic-19 15:00

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro