cerca

TENSIONE CONTE-LEGA ALLA CAMERA, IL PREMIER "COSTITUZIONE VALE ANCORA"

TENSIONE CONTE-LEGA ALLA CAMERA, IL PREMIER "COSTITUZIONE VALE ANCORA"

ROMA (ITALPRESS) - "Si e' parlato di tradimento e addirittura sequestro del voto. Mi chiedo se la nostra Costituzione esista ancora o e' stata stracciata". Cosi' il premier Giuseppe Conte, nella sua replica dopo le discussione generale in Aula alla Camera sulle sue dichiarazioni programmatiche. "Il fatto che il leader di un partito possa decidere ogni anno di portare il Paese a elezioni secondo il suo desiderio o arbitrio e' irresponsabile", ha aggiunto Conte facendo riferimento a Matteo Salvini, mentre dai banchi dell'opposizione si levavano proteste e il coro "elezioni, elezioni". Il presidente della Camera Roberto Fico ha dovuto richiamare piu' volte gli esponenti di Fdi e Lega che interrompevano il premier. "Questo comportamento da stadio in quest'Aula e' inaccettabile. Fate terminare il presidente del Consiglio", ha detto Fico. "Si accusa di tradimento il M5S che ha subito una scelta di tradimento, assurdo. Il M5S, e lo apprezzo per questo, ha ritenuto di fare della coerenza il centro della propria virtu' politica", ha affermato ancora Conte, che ha poi criticato l'ex viceministro dell'Economia Massimo Garavaglia, della Lega. "L'espressione usata da Garavaglia, 'imbullonati alle poltrone' la considero volgare, non la trovo appropriata. Allora cosa devo pensare, che volevate andare a elezioni per avere piu' poltrone?", ha chiesto polemicamente rivolgendosi ai leghisti, e ha aggiunto: "Mentre il M5S e' stato coerente con il proprio programma voi dimostrate di essere coerenti alle vostre convenienze elettorali". (ITALPRESS). sat/red 09-Set-19 18:40

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro