cerca

paura contagio

Coronavirus in Russia, due donne scappano dalla quarantena

Coronavirus in Russia, due donne evadono dalla quarantena

In un lungo racconto su Instagram, una donna con il nickname GuzelNeder ha spiegato che suo figlio ha avuto tosse e febbre a 37,3 C quattro giorni dopo il ritorno della famiglia a Samara. Ha chiamato i servizi di emergenza, che hanno diagnosticato che il ragazzo aveva un’infezione respiratoria virale e che la madre e il figlio dovevano andare in ospedale per i test sul coronavirus. L’ospedale ha promesso i risultati dei test entro tre giorni, poi li ha estesi a cinque, ha raccontato, e nel frattempo il ragazzo ha risposto al trattamento con farmaci e un inalatore. Quando ha cercato di avere risultati, il personale dell’ospedale avrebbe fatto ostruzionismo. Era inoltre preoccupata delle procedure lassiste dell’ospedale, il personale medico sarebbe andato nell’area di isolamento senza maschere e avrebbe gettato gli indumenti protettivi sul pavimento.

Il marito della donna ha discusso con il medico perché lei e il figlio fossero dimessi, ma il medico ha detto che dovevano essere trattenuti per 14 giorni anche con il test del virus negativo. «Non c’era uscita per noi se non quella di lasciare l’ospedale senza autorizzazione, attraverso la finestra», ha detto Guzel. La polizia l’ha successivamente interrogata a casa, ma non sono state riportate accuse.

Per approfondire leggi anche: Coronavirus, cresce il numero dei contagiati

L’altra donna fuggita, Alla Ilyina, ha scritto in un post su Instagram che ha avuto mal di gola diversi giorni dopo il ritorno a San Pietroburgo da Hainan, ha chiamato i servizi di emergenza e i medici l’hanno portata in ospedale per i test del coronavirus, promettendo di lasciarla andare dopo 24 ore. Il giorno dopo le è stato detto di essere risultata negativa, ma che doveva rimanere in quarantena per due settimane. «Tutti e tre i test hanno dimostrato che ero completamente in salute, quindi perché diavolo la quarantena?», ha scritto la donna, che ha poi detto al giornale Fontanka che la sua stanza di isolamento era terribile, niente libri, niente shampoo, niente Wi-Fi, un cestino della spazzatura che non era mai stato svuotato, la porta protetta da una serratura elettronica.

La donna ha scoperto come manomettere la serratura elettronica ed è fuggita dall’ospedale venerdì. Né l’ospedale né la polizia hanno seguito la sua fuga, il che la porta a credere che la sua salute fosse a posto. «Se fossi malata, mi avrebbero inondato di telefonate», ha detto a Fontanka. I media russi hanno riferito che l’ospedale ha reso nota la fuga di Ilyina alla polizia e che potrebbe essere avviata un’indagine penale sull’accaduto.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro