cerca

Carlo Verdone ricorda Mario Brega E il racconto diventa virale su Facebook

Il 5 marzo l'attore romano avrebbe compiuto 93 anni. Il regista lo ha celebrato con un aneddoto: la scazzottata con Gordon Scott che ispirò Borotalco VIDEO

Ieri avrebbe compiuto 93 anni. Mario Brega (pseudonimo di Florestano Brega) era nato a Roma il 5 marzo del 1923. Attore poliedrico, nella sua carriera è passato dai ruoli "seri" dei film di Sergio Leone (Per un pugno di dollari, Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo) alle indimenticabili intepretazioni comiche al fianco di Carlo Verdone (su tutte quella in Borotalco).

E proprio l'attore e regista romano ha voluto ricordarlo in un lungo post su Facebook raccontando un aneddoto della sua vita. 

 

 

L'altro giorno mio figlio mi dice:" Sai qual è un mio rammarico?" Io pensavo a qualche master o a qualche altra laurea o...

Pubblicato da Carlo Verdone Official su  Sabato 5 marzo 2016

 

 

Verdone ha infatti spiegato che, quando Brega in Borotalco racconta la scazzottata con un tizio che ha fatto un complimento alla figlia, parlava di un fatto vero, uno scontro tra lui e l'attore Gordon Scott (foto).

"La storia fu questa - scrive -: mi sembra che Brega in uno di questi film interpretasse un centurione romano, Gordon Scott un Maciste. I due dovevano, da copione, affrontarsi e lottare, ed erano seguiti da un maestro d'armi al fine di imitare lo scontro, senza però farsi male. Ma la sera Brega si ritrovò sull'avambraccio tre grossi lividi, e tra sé penso : "Oh... Ma facesse sur serio sto strxxzo?" La mattina dopo andò nella roulotte di Gordon Scott e facendogli vedere i lividi gli disse : "Oh! Ma stai a fa' sur serio o te sei sbajato?" Gordon Scott lo cacciò via non capendo l'italiano.

Brega ci ripensò e urlò: "Ah infame! Scenni che te gonfio! Ah infamone !!" Gordon Scott, una montagna di muscoli col capello a ciuffo ribelle, si fece tradurre gli insulti di Brega e uscì indiavolato per menargli. Stabilirono che il tutto doveva avvenire come in un duello: due cazzotti Gordon Scott e due cazzotti Mario Brega. Al via Gordon Scott tirò un cazzotto che Brega schivò, al secondo cazzotto Brega fu colpito in bocca, ma non cadde. Sputò per terra e gli disse: "A cornuto! Manco er sangue m'hai fatto uscì... In guardia!" Stando al racconto di Brega, centrò Scott sul naso al primo colpo: "Boooom! je diedi 'n cazzotto ar naso! Gli sfondai er setto nasale e gli frantumai le mucose!!! E me cadde a braccia larghe in dietro come Gesù Cristo, je urlai: arzete cornuto! Arzeteeee !!!!! Nun s'è arzato... è rimasto lì pe' terra come 'n accattone. Poi Brega concludeva quel ricordo sempre allo stesso modo: 'o sapete mo' che fa' Gordon Scott? ... E' tornato a fa' er benzinaro in America".

 

 

 

LA CELEBRE SCENA DI BOROTALCO

 

 

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro