Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La mazzata di Ricciardi: "Certa la seconda ondata del virus in autunno". Addio alla normalità

Il consulente del governo spegne le speranze: "Se acceleriamo le riaperture il riacutizzarsi ci sarà già prima dell'estate. E sarà così fino a quando non arriverà il vaccino"

Carlantonio Solimene
  • a
  • a
  • a

Il Coronavirus non saluterà l'Italia in estate. Se anche dovesse calare la sua intensità, sarà solo una pausa prima del ritorno. Lo ha detto Walter Ricciardi, membro del consiglio esecutivo dell'Oms e consulente del ministro della Salute Roberto Speranza. «Ipotesi seconda ondata in autunno? È una certezza. Fino a quando non avremo un vaccino ci saranno nuove ondate o, speriamo, tanti piccoli focolai epidemici che andranno contenuti. Quello autunnale e invernale, come nel caso dell'influenza, è il periodo in cui una combinazione di eventi climatici, comportamentali, immunologici fa si che il virus possa riemergere». Queste le parole di Ricciardi al giornale ilcaffeonline.it. «Per questo è molto importante non accelerare le riaperture - ha aggiunto - in caso contrario la seconda ondata invece di averla più avanti rischiamo di subirla prima dell'estate». L'utilizzo della app per il tracciamento è «un pilastro essenziale ed insostituibile della fase due» ha detto ancora Ricciardi. «Se non c'è questo abbinamento tra test e tracciamento tecnologico saremo destinati a inseguire sempre il virus. Con questo accostamento saremo in grado di bloccarlo dove emerge e non di inseguirlo dopo che si è diffuso». Una mazzata arriva anche alla Lombardia: "Mi pare che la richiesta della Lombardia sia di riaprire il 4 maggio indipendentemente dalle condizioni epidemiologiche. Non se lo può permettere, anche perché in questo momento ha una condizione epidemiologica di particolare gravità. Certamente in miglioramento, ma di particolare gravità. Tra i paesi europei la Lombardia è la regione che in questo momento ha maggiori problemi. Non l'Italia, ma la Lombardia". «Mi sembra non saggio - sottolinea Ricciardi - fare delle aperture a prescindere dalle valutazioni oggettive. I paesi che come l'Austria e la Svezia stanno agendo senza tener conto di queste valutazioni penso che pagheranno un prezzo. Lo vedremo nelle prossime settimane».

Dai blog