cerca

Bandiere nere e armi, giallo a Roma

Due magrebini inseguiti dalla polizia scappano. Rintracciati all’Infernetto. In una grande roulotte trovati materiali dell’Isis e mappe della città «cerchiate»

In una grande roulotte all’Infernetto, sul litorale romano, avevano le bandiere dell’Isis e la mappa di Roma. Due magrebini sono stati fermati. Sono terroristi che progettavano un attentato? Oppure sono dei fanatici, fan degli islamisti del Califfato che da giugno scorso, tra Siria e Iraq del nord, dove è stato stabilito il quartier generale, ha dichiarato guerra al mondo, agli occidentali, agli infedeli? È presto per dirlo anche perché l’inchiesta è stata aperta ieri, condotta dalla Digos di Roma, passata al setaccio anche dagli investigatori dell’Antiterrorismo.

La domanda principale: volevano colpire Roma, il Vaticano di cui tante volte ha parlato il califfo delle tute nere? Oppure è tutta un’altra storia?

Il giallo comincia l’altra sera, in zona Romanina. La dinamica è parziale. Si sa che un’auto sfreccia davanti agli agenti di una volante. L’equipaggio del 113 si sarebbe subito messo all’inseguimento della vettura. Una curva, poi un’altra, alla fine i sospetti riescono a sparire nel nulla. I poliziotti continuano a perlustrare la zona arrivando a trovare l’auto abbandonata. I due nordafricani sono però spariti. Gli agenti controllano l’interno dell’abitacolo e trovano due pistole. I sospetti aumentano. Gli investigatori verificano chi è il titolare della macchina e gli accertamenti si spostano, arrivano sul litorale romano, all’Infernetto. Poco dopo la polizia è alla porta. Entrano e trovano una donna, solo lei. Perquisiscono la residenza e in una stanza fanno la scoperta: trovano bandiere dell’Isis e una mappa di Roma con alcuni luoghi cerchiati con un pennarello. Tanto basta per capire cosa potrebbe esserci dietro. Stavano preparando un’azione dimostrativa da compiere a Roma nel nome del Califfato?

Il centro della religione cattolica potrebbe essere obiettivo dei terroristi islamici. Roma è una tra le capitali europee più esposte al pericolo di attentati proprio per il suo stretto legame con il Vaticano. Gli jihadisti capeggiati da Abu Bakr al-Baghdadi nel quarto numero di Dabiq, la rivista on line del terrore, hanno dedicato la copertina proprio alla Capitale, pubblicando l’immagine di piazza San Pietro con la bandiera nera dell’Isis issata sull’obelisco. A Roma, però, il fenomeno dell’integralismo ha radici ben più profonde grazie anche alla presenza di numerose moschee non autorizzate che, in alcuni casi, sono un centro di arruolamento e reclutamento di jihadisti. Con l'avvento dell'Isis il fenomeno di combattenti volontari che sono partiti per la Siria e l'Iraq per schierarsi con i miliziani dello Stato islamico è arrivato quasi a cento unità.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Salvini: "Mi criticano per le divise della polizia? Le porto con onore"

Gracia De Torres e Daniele Sandri
Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro