cerca

IL REBUS DI PALAZZO CHIGI

Voto a luglio. Con le pinne, il fucile e la scheda

Voto a luglio. Con le pinne, il fucile e la scheda

Quindi, vista l'indisponibilità dei partiti ad accordarsi tra loro e ad appoggiare un eventuale governo di tregua, il Capo dello Stato Sergio Mattarella sarebbe pronto a rimandare il Paese alle urne a strettissimo giro, forse già a luglio. Domenica 8, precisamente.

A quel punto, visti i tempi tecnici delle verifiche del voto e della proclamazione dei neo eletti, le Camere si insedierebbero a fine mese. Due o tre giorni (nella migliore delle ipotesi) per eleggere i rispettivi presidenti e poi via a un nuovo giro di consultazioni. Presumibilmente a inizio agosto.

E chissà che Mattarella non stia pensando proprio a questa circostanza ragionando sull'opportunità di anticipare al voto: con le ferie alle porte, scommettiamo che i nostri leader l'accordo lo troveranno subito? Magari anche perché i leoni da tastiera, quelli dai quali i politici si fanno sempre più condizionare, saranno sotto l'ombrellone o a infervorarsi per il calciomercato. Benvenuti nella Terza Repubblica, quella balneare.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • Albert

    Torresan

    12:12, 14 Maggio 2018

    È una minoranza quella che va in vacanza. Ma è una maggioranza quella che non vota...

    Rispondi

    Report

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari

Opinioni