cerca

ALL'OLIMPICO FINISCE 6-2

La Lazio travolge il Palermo e si gode il quarto posto

La Lazio travolge il Palermo e si gode il quarto posto

Stravince la Lazio con il Palermo, all'Olimpico finisce 6-2. Le reti di Immobile (doppietta) e Keita (tripletta) nel primo tempo e del giovane Crecco nella ripresa. Per gli ospiti doppietta di Rispoli. Quarto posto confermato ed Europa League più vicina.

PRIMO TEMPO - Simone Inzaghi cambia la Lazio e rispolvera a sorpresa il 3-5-2 provato ieri a Formello. Out dai convocati Radu e Murgia (influenza), fuori anche Marchetti per la lesione del collaterale. Il Palermo di Bortoluzzi si presenta con Nestorovski unica punta, alle sue spalle il giovane Lo Faso. I biancocelesti impiegano soltanto 8 minuti per sbloccare la gara e passare in vantaggio: angolo di Biglia, colpo di testa di De Vrij ad uscire, da dietro interviene Immobile che deposita il pallone in rete. Pochi secondi e l'ex Toro batte ancora Posavec: assist di Milinkovic e destro piazzato del 17 biancoceleste, ventesima rete in campionato e Palermo al tappeto. La banda Inzaghi è inarrestabile e al 20' trova il terzo gol con Keita Baldé Diao, bravo a sfondare centralmente e a superare il portiere rosanero. C'è tempo anche per la quarta meraviglia, al 23' sempre il senegalese si conquista un calcio di rigore e lo realizza facilmente. In campo c'è solo la Lazio, il Palermo è inesistente, la quinta rete porta la firma sempre di Keita: assist di Immobile e tocco sotto di sinistro dell'ex Barca, tripletta e gara chiusa (già da un po').

SECONDO TEMPO - La Lazio cambia Parolo (diffidato) con Lukaku, in mezzo al campo si sposta Lulic con Biglia e Milinkovic Savic. Nemmeno il tempo di fischiare l'inizio della gara che il Palermo trova il gol con Rispoli. La Lazio si rilassa e gli ospiti accorciano ancora le distanze sempre con il terzino Rispoli, bravo ad approfittare di una papera di Strakosha. Il primo squillo dei biancocelesti arriva dopo quasi mezz'ora con Keita: diagonale destro e palla sul fondo. Intanto entrano anche Crecco e Lombardi per Milinkovic Savic e Keita. E nel finale è festa grande proprio per il giovane Crecco, veloce a ribattere in rete una buona respinta di Posavec: per l'ex Ternana è il primo gol in serie A con la maglia della Lazio.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello