cerca

FINISCE 2-3

Europa League, la Lazio in rimonta vince in Olanda

Europa League, la Lazio in rimonta vince in Olanda

Vince la Lazio, sempre in rimonta sul Vitesse, la banda Inzaghi espugna il Gelredome di Arnhem per 3-2. Il girone K inizia con un successo, i biancocelesti sono in testa insieme al Nizza, le reti tutte italiane di Parolo, Immobile e Murgia.

PRIMO TEMPO
Parte bene la Lazio, il tecnico di Piacenza conferma il 3-5-2 provato alla vigilia, fuori i big Immobile, Lulic, Leiva, Milinkovic Savic e Radu. In campo c’è De Vrij dall’inizio, la difesa però sbanda un po’ troppo, complice qualche errore di Marusic sulla destra. I padroni di casa passano in vantaggio con Matavz, bravo a bruciare Bastos e l’esterno montenegrino. I biancocelesti provano a reagire, Caicedo si muove bene e protegge con intelligenza il pallone. Ottima anche la prova di Di Gennaro in regia, sempre pulito e ordinato. Scarseggiano però le occasioni da gol.

SECONDO TEMPO
Nella ripresa Inzaghi si fa sentire, la Lazio entra in campo con una mentalità diversa. Passano pochi minuti ed arriva il pareggio di Parolo, il più rapido con un sinistro al volo, al termine di un batti e ribatti, a superare il portiere olandese dal limite dell’area di rigore. Nemmeno il tempo di esultare però che sulla destra Rashica continua a far impazzire Lukaku: cross al centro, altro buco di Marusic e inserimento vincente di Linssen. Inzaghi fa entrare dalla panchina Immobile, Milinkovic Savic e Lulic, la musica cambia all’improvviso. Il bomber napoletano trova la rete del pareggio dopo uno scambio fantastico con Caicedo, piatto destro da biliardo e risultato di nuovo in parità. La Lazio non si arrende e cerca a testa bassa la rete della vittoria: la realizza un’altra volta “l’uomo del 3-2”, Alessandro Murgia (protagonista anche in Supercoppa con la Juventus). Vincono i biancocelesti, il primo ostacolo è superato.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Diletta Leotta come non l'avete mai vista GUARDA

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi
Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"