cerca

IL CONCORSO INTERNAZIONALE DI SALTO OSTACOLI

Piazza di Siena, quattro azzurri pronti al riscatto

Scelta la squadra che gareggerà nella Coppa delle Nazioni. Bicocchi, Bucci, Chimirri e De Luca vogliono cancellare un tabù lungo 32 anni

Piazza di Siena, quattro azzurri pronti al riscatto

Italia pronta per la gara più importante dell'85° Concorso Internazionale di Salto Ostacoli di Piazza di Siena - Master Fratelli D'Inzeo (24/38 maggio).

Il selezionatore federale Roberto Arioldi ha scelto il quartetto da schierare (più la riserva) nella Coppa delle Nazioni del 26 maggio. A comporlo saranno il 1° aviere scelto Emilio Bicocchi su Sassicaia Ares, Piergiorgio Bucci su Casallo Z, l'appuntato scelto Bruno Chimirri su Tower Mouche, il 1° aviere Lorenzo De Luca su Ensor de Litrange LXII e il caporal maggiore Alberto Zorzi su Fair Light Van t Heike. Riserva il 1° aviere Luca Marziani su Tokyo du Soleil.

Gli azzurri non siglano la gara dal 1985; il Gruppo Assicurativo MAG-JLT ha messo in palio un superpremio di 100 mila euro se stavolta la vinceranno. «L'Italia sta attraversando un momento magico e il morale di tutto il team è davvero molto alto - ha sottolineato Arioldi - mai come quest'anno ho avuto a disposizione tanti binomi per la scelta della squadra. D'ora in avanti tutti effettueranno una preparazione specifica per la conquista della Coppa. Alberto Zorzi e Fair Light saranno in campo nel concorso di Windsor (GBR), Bicocchi e Sassicaia Ares prendono parte al Gran Premio di Mannheim (GER), Bruno Chimirri e Tower Mouche a una nazionale in Italia, mentre per Ensor de Litrange (De Luca) e Casallo Z (Bucci) lavorano a casa. Poi tutti a Roma pronti per dare il massimo».

La Coppa delle Nazioni sfugge all'Italia da 32 anni, dal maggio 1985 quando gli azzurri - al comando di Vittorio Orlandi - vinsero la gara per l'ultima volta. Il quartetto era composto da Graziano Mancinelli, Bruno Scolari (entrambi prematuramente scomparsi), Emilio Puricelli e Giorgio Nuti.

L'ultima volta che l'Italia è salita sul podio della Coppa a Villa Borghese anche questa è ormai datata, il 2013. Poi soprattutto sfortuna e qualche disattenzione, negli ultimi tre anni, hanno tenuto il quartetto tricolore lontano dalle medaglie. Questa potrebbe essere l'edizione del riscatto, due binomi - quelli con in sella Lorenzo De Luca e Alberto Zorzi - stanno gareggiando in modo superlativo nel Global Champions Tour, Piergiorgio Bucci ha un'esperienza notevole ed Emilio Bicocchi possiede sotto la sella un cavallo di grandi possibilità, pur se difficile a volte da gestire in pieno. Anche Luca Marziani è una «riserva» extra-lusso, avendo già' partecipato alla Coppa con la splendida Wivina. Il selezionatore Roberto Arioldi ha ora solo il problema di far concentrare al massimo i suoi prescelti, perché il difficile della Coppa sta proprio nel mantenere un'attenzione spasmodica su ogni barriera.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni