cerca

CHAMPIONS LEAGUE

Tris di Ronaldo, Atletico ko. Il Real "vede" la finale e aspetta la Juve

Tris di Ronaldo, Atletico ko. Il Real mette un piede in finale

Un'altra tripletta, stavolta senza "ombre", e Cristiano Ronaldo trascina il Real Madrid a un soffio dalla seconda finale consecutiva. Servirà un miracolo, più che un'impresa, all'Atletico Madrid per sfatare il tabù-derby, ma al di là delle prodezze del portoghese - a quota 103 gol in Champions League - la sfida del Bernabeu lascia pochi dubbi sulla superiorità - tecnica, tattica, mentale - del Real sull'Atletico, una superiorità per larghi tratti persino imbarazzante. C'è da chiedersi dove sia finito il "cholismo": l'Atletico di questa sera non ha avuto né cuore né gambe.

Eppure parte spavaldo l'Atletico, col consueto 4-4-2 e l'attacco Gameiro-Griezmann (Torres parte dalla panchina), ma è del Real la prima grande occasione: bella la triangolazione Carvajal-Isco-Carvajal (l'ex Malaga è il sostituto dell'infortunato Bale), il terzino calcia e Oblak respinge (male) addosso a Benzema, la cui deviazione sottomisura viene salvata in angolo dal portiere sloveno. In realtà è solo il preludio al vantaggio blanco: Ronaldo (che sul precedente cross era in fuorigioco, giudicato passivo) brucia Savic sullo stacco e trasforma l'invito di Casemiro nell'1-0. Nella bolgia del Bernabeu Varane obbliga Oblak agli straordinari, ma l'Atletico finalmente reagisce ed è soltanto un'uscita strepitosa di Keylor Navas a evitare il pari di Gameiro.

Splendido derby: il diagonale di Modric si spegne fuori di poco, come la spettacolare rovesciata tentata da Benzema. Zidane perde Carvajal per infortunio, tocca a Nacho, mentre Simeone capisce che è il momento di scuotere i suoi: dentro Fernando Torres e Gaitan, bocciati Gameiro e Saul. Ritmi meno forsennati, Isco rischia il rosso (già ammonito, entra duro su Koke) ma Atkinson lo grazia e Zidane lo toglie (68', dentro Asensio).

Al 73' il Real sfonda di nuovo: da Asensio a Benzema fino a Ronaldo, fortunato nel rimpallo con Filipe Luis, implacabile davanti a Oblak, destro sotto la traversa e 2-0 che indirizza la semifinale. Non è finita: perchè Lucas Vazquez slalomeggia tra le statuine della difesa dell'Atletico e regala un cioccolatino che Ronaldo scarta con la consueta golosità sotto porta. Sono tre, come contro il Bayern Monaco. Ma lì due erano in fuorigioco. Zidane strapazza Simeone e si sente già in volo per Cardiff. A meno che non accada l'imponderabile.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni