cerca

ALL'OLIMPICO FINISCE 1-2

Mertens firma la doppietta contro la Roma

Mertens firma la doppietta contro la Roma, col Napoli finisce 1-2

Napoli 2, Roma 1 e la Juventus ride. L'Olimpico è violato dagli azzurri dopo l'incredibile striscia di 15 vittorie casalinghe in campionato, i giallorossi hanno il derby sul groppone e perdono la seconda sfida consecutiva. I bianconeri di Allegri possono spiccare il volo e portarsi a +10 sulla seconda, che resta la Roma, a +2 sui partenopei. Il rammarico è di aver fatto scintille solo dopo il gol di Strootman che nel finale ha accorciato le distanze dopo la doppietta di Mertens.

LE SCELTE
Spalletti torna al passato, 4-2-3-1 contro il Napoli con Juan Jesus ad arricchire la linea difensiva giallorossa, Perotti ed El Shaarawy ali e Dzeko davanti. Panchina a sorpresa per Salah, riposo per Bruno Peres dopo 14 partite consecutive giocate dal 1’. Sarri risponde con il tridente Callejon-Mertens-Insigne, Milik si rimette comodo. A centrocampo ci sono Rog e Jorginho, esclusi i più quotati Zielinski e Diawara.

PRIMO TEMPO
Spazi stretti, partita un po' bloccata all’inizio, tanti palloni persi e poche occasioni. La prima è di Nainggolan, un innocuo destro bloccato da Reina. Il colpo di testa di Mertens è l’allarme per la difesa romanista, troppo distratta: sfera alta. Al 23’ viene annullato un gol a Perotti, che prima di calciare col sinistro in rete stoppa in bagher. Nel miglior momento dei padroni di casa è il Napoli a passare in vantaggio: minuto 26, Mertens trova un buco nella retroguardia, Fazio si alza, Manolas tiene in gioco il belga che col tocco sotto di destro scavalca Szczensy, 0-1. Buona chance per Strootman da dentro l’area, il suo sinistro finisce sopra la traversa. Al 39’ l’arbitro segnala il fallo su Fazio di Mertens che sfrutta proprio la mancata marcatura del centrale per andare in gol: annullato anche questo. Manolas viene ammonito nel finale di primo tempo, era diffidato e salterà per squalifica la trasferta di Palermo.

SECONDO TEMPO
Stessi uomini, condizioni climatiche decisamente diverse: un breve nubifragio bagna il campo dell’Olimpico. Ma è ancora il Napoli a passare: al 5’ Insigne crossa per Mertens, Fazio si conferma assente ingiustificato, e il belga ha la strada spianata per la doppietta. Reazione Roma con Perotti, conclusione deviata in corner. Ѐ il momento per il doppio cambio studiato da Spalletti: dentro Salah e Bruno Peres, fuori El Shaarawy e Fazio. I giallorossi si riposizionano con la linea a tre dietro e acquisiscono una forza offensiva che prima non avevano. L’ingresso dell’egiziano sposta gli equilibri, Reina deve uscire un paio di volte e prendersi dei rischi per evitare il gol, Nainggolan chiuso a sandwich in area reclama un rigore non assegnato, poi è Rudiger a fare un salvataggio che vale quanto un gol chiudendo su Mertens a due passi da Szczesny, pur andando vicino ad una beffarda autorete. Ѐ tutta un’altra Roma adesso, il Napoli si fa schiacciare ma tiene botta: sinistro di Salah murato da Albiol, contropiede di Dzeko concluso con un diagonale fuori misura. Edin dimostra di non essere in giornata. De Rossi, già ammonito, tira un calcetto da terra a Reina che l’aveva travolto, l’arbitro non se ne accorge, Sarri sì e alza la voce: viene cacciato lui. Il protagonista del match, Mertens, si fa male e chiama il cambio: entra Zielinski. Lancio lungo dalle retrovie a pescare Perotti, assist al centro per Salah e pallone scagliato al lato. Trova spazio Milik nel finale, Spalletti inserisce Paredes per un nervoso De Rossi. Al 39’ Szczesny si immola su Rog e gli nega almeno il tris. C’è il palo a dire di no a uno sfortunatissimo Salah al 41’. A riaprire la partita è Strootman, assist all’indietro di Perotti per l’olandese, che accorcia le distanze. Non basta per vincere, ma è un gol che vale un punto nella classifica della differenza reti. Un fattore che potrebbe pesare nella lotta al secondo posto. A tempo scaduto contatto dubbio su Salah, si continua e la Roma non si arrende: palla-gol per l’egiziano, stoppato da Reina e dal compagno Dzeko, poi Perotti a giro, non va. Finale da incubo, i giallorossi centrano anche la traversa con il tiro di Perotti deviato miracolosamente da Reina. All’Olimpico è 2-1 per gli azzurri, che restano 2 punti sotto in classifica ma riaprono la corsa Champions.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni