cerca

LA CAMPIONESSA PARALIMPICA

Bebe Vio e l'odio su Facebook: "Bisogna reagire, ho denunciato chi mi minaccia"

Bebe Vio e l'odio su Facebook: "Bisogna reagire, ho denunciato chi mi minaccia"

Non c'è un limite per la macchina dell'odio dei social network. Anche Bebe Vio, la campionessa paralimpica di scherma, è finita nel mirino degli haters. La 19enne che ha subito a 11 anni amputazioni alle braccia e alle gambe, è stata minacciata su Facebook attraverso una pagina, subito rimossa, che avrebbe invitato gli utenti del social network a usare violenza sessuale nei confronti della campionessa azzurra.

"Ho appena denunciato gli autori della pagina Facebook che mi prendeva di mira - ha spiegato Bebe Vio - ci vuole una risposta decisa a questi comportamenti". A scoprire il post la stessa Bebe: "Ho visto la pagina di Facebook che mi prendeva di mira (ora l'hanno cancellata) e devo dire che sono amareggiata e delusa - ribadisce l'atleta paralimpica azzurra -. Amareggiata perché da anni lotto per gli altri e per le cause in cui credo (il mondo della disabilità, lo sport paralimpico, le vaccinazioni per la meningite, le associazioni Onlus e tutto lo stupendo mondo del volontariato) e trovo sbagliato che mi trattino così. Delusa perché mi fanno anche un po' tristezza quelle persone che usano internet per insultare e denigrare gli altri, a prescindere dal motivo per il quale lo fanno".

Entra nella vicenda anche il Codacons. L'associazione di consumatori ha fatto sapere di aver denunciato il social network all'Autorità giudiziaria.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni