cerca

MELBOURNE

Australian Open, Nadal batte Dimitrov e va in finale contro Federer

Australian Open, Nadal batte Dimitrov e vola in finale contro Federer

Sarà Rafael Nadal a sfidare Roger Federer nella finale dell'Australian Open, prima prova del Grande Slam in corso di svolgimento sui campi in cemento di Melbourne Park. Lo spagnolo, numero 9 del mondo e del seeding, ha sconfitto il bulgaro Grigor Dimitrov, numero 15 del ranking Atp e del tabellone, con il punteggio di 6-3, 5-7, 7-6 (7-5), 6-7 (4-7), 6-4 in quattro ore e 55 minuti. Sarà la nona volta che Federer e Nadal si incontrano in una finale del Grande Slam, la seconda a Melbourne.

«Non è facile descrivere come mi sento. Dimitrov ha giocato in maniera fantastica, è stata una bellissima partita. Mi sento molto felice, mi sono divertito, il pubblico è stato semplicemente straordinario e lo ringrazio per i grandi incoraggiamenti nelle settimane per me indimenticabili. Qualificarsi per una finale dopo una partita come questa significa tantissimo». Rafa Nadal quasi non crede di essersi qualificato per la finale degli Australian Open dopo una battaglia di cinque ore con il bulgaro Dimitrov. Il campione spagnolo nella finale del primo Slam della stagione troverà Roger Federer in una finale che nessuno si aspettava. Dopo tanti problemi fisici l'ex numero uno del mondo è tornato su alti livelli. «Quando lavori duro e hai dei momenti difficili come l'anno scorso ci vuole del tempo per tornare a certi livelli. Poi ho iniziato a colpire meglio la palla e dover abbandonare alla vigilia del Roland Garros è stata dura. Ho lavorato tantissimo in questo mese e mezzo ma non avrei mai sognato di essere in finale agli Australian Open, nel secondo torneo dell'anno», ha proseguito Nadal a fine gara. «Dopo tanti mesi senza potere competere mi sento fortunato ed estremamente felice».

Nadal è contento anche di incontrare il finale l'avversario di tante battaglie, Roger Federer, per giocarsi la nona finale di uno Slam in cui si affrontano. «Federer? Intanto spero di recuperare bene...-ha detto lo spagnolo con il sorriso-. Per me è un privilegio. È qualcosa di speciale per entrambi essere in finale l'unio contro l'altro. Entrambi abbiamo avuto problemi negli ultimi tempi, ma pochi mesi fa abbiamo inaugurato al mia accademia a Mallorca e lo voglio ancora ringraziare per essere venuto. Dovevamo giocare una partita di esibizione ma lui aveva male al ginocchio e io al polso e abbiamo giocato qualche colpo da metà campo. In quel momento non avremmo mai immaginato di trovarci l'uno contro l'altro nella finale di domenica. Penso che anche lui sia molto felice», ha concluso Nadal.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

De Luca ci ricasca e chiama "chiattona" la consigliera grillina

Dentro Westminster, il panico durante l'attentato di Londra
Londra, dopo l'attacco a Westminster turisti bloccati per ore sul London Eye
L'ultima verità di Francesco Schettino: "Sono rimasto sulla  Costa Concordia fino all'ultimo minuto"