cerca

ANTICIPO DI SERIE A

Lazio travolta dall'Inter. Inzaghi: dopo il primo gol siamo spariti

Lazio travolta dall'Inter. Inzaghi: dopo il primo gol siamo spariti

Crolla la Lazio a San Siro, perso il quarto scontro diretto della stagione, vince l’Inter dell’ex Pioli per 3-0. Un buon primo tempo per gli uomini di Inzaghi, nella ripresa però il disastro è totale. Per i nerazzurri le reti di Banega e la doppietta di Mauro Icardi, tra i biancocelesti buona la prova di Felipe Anderson. Alla ripresa del campionato all’Olimpico arriverà il Crotone.

PRIMO TEMPO – Inzaghi perde Radu durante il riscaldamento iniziale (ieri si era fermato a Formello per un leggero affaticamento muscolare), dentro Patric con Lulic alto a sinistra. In panchina dunque Keita, il tecnico di Piacenza manda in campo una squadra più equilibrata. Nell’Inter invece Pioli conferma tutto e opta per il classico 4-2-3-1, fuori Joao Mario per squalifica, titolare Banega alle spalle di Mauro Icardi. A destra c’è l’ex Candreva, ma la differenza la fa subito Felipe Anderson dopo 30 secondi. Dribbling e serpentina vincente su Ansaldi, palla al centro per Immobile, tiro di prima intenzione e miracolo di Handanovic (sulla respinta salva il risultato D’Ambrosio su Lulic). A centrocampo il confronto più duro è tra Kondogbia e Milinkovic Savic, la Lazio tiene bene il ritmo grazie alla qualità di Biglia. I nerazzurri cercano di rispondere con qualche cross del solito Candreva per la testa di Icardi e Perisic, il pallone finisce sempre lontano dalla porta difesa da Marchetti. La trama però non cambia, sono i biancocelesti i più pericolosi: nuova discesa di Felipe, assist dentro l’area per Immobile, destro senza pensarci due volte e altro miracolo di Handanovic. Al minuto 26 Anderson sfiora il gol dell’anno: taglio da destra verso sinistra, dribbling su Ansaldi, Miranda, Murillo e mancino in diagonale deviato da D’Ambrosio in angolo (Handanovic non ci sarebbe mai arrivato). Brozovic pochi minuti dopo prova la specialità della casa, sinistro a giro sul secondo palo, sicura la risposta di Marchetti. Tenta il destro dalla distanza invece Banega, fermato anche lui senza troppi problemi dal portiere biancoceleste.    

SECONDO TEMPO – Nessun cambio nella ripresa, i due allenatori scelgono gli stessi undici del primo tempo. I nerazzurri partono subito forte, la Lazio invece come al solito soffre l’approccio di rientro dagli spogliatoi. Cross di Candreva, dopo un’ottima giocata di Kondogbia sulla trequarti, Perisic in spaccata non riesce ad arrivare sulla sfera. Wallace e De Vrij però non mollano un centimetro, sempre attenti e precisi. Candreva mette il turbo, Icardi fa a spallate e l’Inter spinge sull’acceleratore per cercare il gol del vantaggio. E puntuale arriva al 9’ sul primo e unico errore di Milinkovic Savic: inserimento di Banega che strappa il pallone al serbo e conclude con un destro sotto la traversa. La Lazio non riesce a reagire e, come se non bastasse, Icardi raddoppia con un colpo di testa su cross di D’Ambrosio dalla destra. Due a zero in 120 secondi, doccia gelata per Inzaghi e primo cambio: fuori Patric e dentro Keita. Ma il crollo è totale, i biancocelesti non riescono più a ripartire, non creano occasioni, l’Inter è padrona del campo e al 21’ trova il 3-0 sempre con Mauro Icardi. Assist di Banega e destro di prima intenzione dell’argentino, battuto Marchetti (non straordinario nell’intervento). Al 21’ Inzaghi chiede un rigore per una brutta gomitata di D’Ambrosio ai danni di Parolo in area di rigore. Nella Lazio entra Lombardi al posto di Lulic, ma è sempre lo scatenato Icardi a sfiorare la tripletta personale con un destro sul primo palo respinto da Marchetti. Intanto Felipe Anderson rimedia il giallo, era diffidato e salterà la gara contro il Crotone alla ripresa del campionato. Il capitano dell’Inter però continua a divertirsi in area di rigore laziale: stop di petto, destro e incrocio dei pali. La squadra di Inzaghi non c’è più. Dopo tre minuti di recupero, Mazzoleni fischia la fine. La Lazio perde il quarto scontro diretto della stagione. L’Europa che conta però resta a pochi passi.

IL COMMENTO DI INZAGHI - "Dopo l'1-0 di Banega la Lazio è uscita dal campo. E questo è un grande rammarico. Avremmo dovuto reagire da squadra e non l'abbiamo fatto". Simone Inzaghi analizza così la pesante sconfitta in casa dell'Inter. "Abbiamo fatto un ottimo primo tempo, purtroppo non siamo riusciti a fare gol - dice il tecnico biancoceleste ai microfoni di Premium Sport -. L'Inter è stata brava, è riuscita a non prendere gol, noi invece si, poi una squadra matura in 12' non può permettersi di prendere 3 gol, questa è una pecca. Dopo il gol non abbiamo avuto una reazione, la squadra si è seduta. Gli approcci sono da rivedere, dopo il gol di Banega la partita è cambiata e questo mi dispiace. Perché Keita in panchina? Avevo preventivato di fare una partita del genere, pensavo che l'Inter avrebbe spinto nel primo tempo e invece siamo stati bravissimi noi. La partita è stata impostata inizialmente nel modo giusto, ma si sa com'è il calcio, decidono gli episodi, anche grazie ad Handanovic l'Inter è riuscita a non prendere gol".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Fra cascate e rocce lo spettacolo mai visto dei tuffi no-limits

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste
La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Opinioni