cerca

FUTURO GIALLOROSSO

Stadio della Roma, la Regione mette il comune con le spalle al muro

Comunicato dalla Pisana: "Variante urbanistica entro il 17 dicembre". L'assessore Berdini: "Una cosa assurda"

Il giorno del giudizio sullo stadio della Roma

Ѐ stata una giornata importante per il futuro del nuovo stadio della Roma. Si è svolta, infatti, questa mattina la seconda seduta della Conferenza dei Servizi presso la Regione Lazio, che ha diramato una nota ufficiale in cui indica il 17 dicembre come data entro la quale il Comune si impegnerebbe ad adottare la variante urbanistica al piano regolatore per approvare l’impianto giallorosso a Tor di Valle. «È una cosa assurda», la reazione dell’assessore all'Urbanistica Paolo Berdini, che aveva espresso parere negativo per le opere pubbliche legate allo stadio e ora smentisce la notizia comparsa sul sito ufficiale della Regione: «È destituita di ogni fondamento. Noi rispetteremo i 90 giorni di tempo che ci sono stati assegnati: la data del 17 dicembre è completamente sbagliata, noi abbiamo tempo per decidere fino al 3 febbraio». Immediata la replica: «In merito alle dichiarazioni rilasciate dall'assessore all'Urbanistica di Roma Capitale, Paolo Berdini, la Regione Lazio precisa che l'impegno del Comune di Roma di adottare la variante urbanistica al Prg vigente entro il 17 dicembre, contenuto nel resoconto pubblicato sulla pagina dedicata alla trasparenza del sito regionale, è stato assunto pubblicamente dalla dirigente comunale presente alla conferenza dei servizi che si è svolta oggi». Nella prossima verranno trattati i temi inerenti ai vincoli ambientali, paesaggistici e archeologici.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni