cerca

LAZIO

Lo strano caso di Luis Alberto

Lo strano caso di Luis Alberto

Lo spagnolo Luis Alberto a Formello

È il settimo spagnolo nella storia della Lazio, è arrivato in extremis dal Liverpool, Lotito lo ha acquisto in prestito con diritto di riscatto fissato a 5,5 milioni di euro (2 di bonus già pagati). Si chiama Luis Alberto Romero Alconchel, è nato nel 1992 a San José del Valle, un piccolo comune in provincia di Cadice. 


Talento cristallino, classe da vendere e colpi da fenomeno, il giovane Luis ha lasciato la famiglia a soli 12 anni per stregare il calcio europeo. Lo prende il Siviglia, viene scelto in un provino tra più di 500 ragazzi, il cammino diventa all’improvviso entusiasmante e ricco di successi. Nel 2011 ecco l’esordio in prima squadra, Luis Alberto ha 19 anni, è l’inizio di una nuova vita. Il Barcellona però inizia a seguirlo e lo ingaggia in prestito, nella rosa B si allena per diversi mesi con Patric (attuale terzino biancoceleste). A giugno 2014 si intromette il Liverpool con 8 milioni di euro, in Premier League sbarca un giocatore di qualità, allegro e solare, fantastico in campo con il pallone tra i piedi. C’è lo zampino della fredda e piovosa Inghilterra però a compromettere il rendimento di Luis Alberto, ma anche il cibo e la lingua. Il sole lo ritrova qualche anno più tardi in Liga, lo sceglie il Malaga per entrare in Champions, è la classica svolta della carriera. Ma il meglio deve ancora arrivare, il Deportivo La Coruna è la prossima tappa da conquistare, il trequartista spagnolo vive un’annata da applausi e chiude il campionato con 7 assist e 6 gol.

La Lazio lo ha scelto per sostituire Antonio Candreva, in realtà Luis Alberto non è un esterno puro, si adatta senza problemi, ma ama muoversi di più dietro le punte. Il 3-4-1-2 di Inzaghi potrebbe esaltarlo, le caratteristiche sono quelle, ieri a Formello ha realizzato una doppietta (nel 4-3-3) contro la Primavera di Bonatti. Ora però è il momento di passare ai fatti, Luis Alberto ha giocato soltanto qualche minuto contro il Milan a San Siro, ad agosto s’era presentato a Roma in ritardo di condizione. Con il Bologna ripartirà dalla panchina, il tecnico di Piacenza però potrebbe lanciarlo a gara in corso. L’ex Liverpool ha voglia di impressionare i tifosi laziali e di spazzare via una volta per tutte la sindrome dell’eterno incompiuto. Se lo augura in presidente Lotito, c’è bisogno di entrare finalmente in scena, Luis Alberto non vede l’ora.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni