cerca

Lazio freddata in casa dal Genoa

Lazio freddata in casa dal Genoa

Il disappunto di Brocchi dopo il triplice fischio finale dell'arbitro

Vittoria in rimonta per il Genoa di Malesani che all'Olimpico esce alla distanza, recuperando il gol segnato da Sculli nel primo tempo con le reti di Palacio e Kucka nella seconda frazione. Padroni di casa in controllo assoluto del match nel primo tempo, in cui trovano il gol e sprecano a più riprese il raddoppio. Nella ripresa, grazie anche ad un cambio di modulo che affianca Palacio a Caracciolo e all'ingresso in campo del giovane Jorquera, decisivo per la rimonta del Genoa, l'inerzia del match passa completamente fra i piedi degli ospiti che dopo il pareggio casalingo all'esordio in campionato riescono a fare bottino pieno alla prima trasferta stagionale. Da rivedere per Reja le dinamiche offensive del terzetto di trequartisti, con Hernanes mai in partita e sostituito ad inizio ripresa e un Cissè troppo a corrente alternata.

REJA E' COLPA MIA Ci si aspettava una vittoria e invece dopo due pareggi consecutivi (in campionato e in Europa League), la Lazio incappa, con il Genoa all'Olimpico, nella prima sconfitta stagionale (2-1 il risultato finale) uscendo dal campo tra i fischi del pubblico e i cori della Curva Nord che invitano il tecnico Edy Reja a lasciare la squadra. «Nel primo tempo il pubblico applaudiva la nostra prestazione - ha precisato Reja, al termine dell'incontro -. Non ho un ottimo feeling con tifoseria ed è difficile lavorare. Il primo tempo è stato ottimo, ma non siamo riusciti a concretizzare. Nel secondo tempo abbiamo pagato un pò di fatica. Ci sono stati anche oggi errori e certo è colpa del tecnico, ma sono stati per lo più errori individuali». L'allenatore biancoceleste, però, non pensa sia un problema di modulo («nel primo tempo non abbiamo avuto difficoltà e per le caratteristiche dei giocatori questo modulo va bene») quanto di migliorare soprattutto in difesa: «Abbiamo bisogno di migliorare sotto l'aspetto difensivo - ha precisato il tecnico -, ma per errori nostri. Il Genoa non c'ha messo in particolare difficoltà. Nel campionato italiano se commetti errore ti castigano». Per Reja, i cali cronici avvenuti nei secondi tempi delle ultime tre partite, non sono tuttavia dovuti a problemi di preparazione atletica. «Non credo sia un problema di condizione atletica - ha ammesso - . Chi non ha giocato giovedì ha retto bene i 90 minuti. Con meno errori avremmo vinto sia oggi che con il Vaslui. Non abbiamo ancora la carburazione giusta e l'intensità dovuta».
Rammaricato il centrocampista biancoceleste Giuseppe Sculli, ex di turno e autore dell'unico gol laziale: «È stata una partita stranissima. I fischi? È normale lo scoramento quando si perde. Sconfitta ci deve servire di lezione. La partita doveva essere chiusa e gestita meglio. Mercoledì chi scenderà in campo a Cesena farà bene». Nelle Marche, Reja dovrà fare a meno anche di Biava, scontratosi nel corso della gara con il compagno Ledesma, e costretto a sottoporsi a un intervento odontoiatrico. In casa Genoa, soddisfatto, invece, Alberto Malesani. «Oggi abbiamo fatto una bella gara, meglio di domenica. Siamo contenti. Primo tempo abbiamo concesso ma abbiamo anche noi sfiorato il gol. Jorquera ci ha dato più equilibrio e da lì in poi abbiamo vinto meritatamente. Non ci dobbiamo però esaltare. Palacio? Lo volevano Inter e Roma. È un campione, devo ringraziare presidente perchè è rimasto. Dedico questa vittoria al presidente che non è stato trattato bene. Lui fa squadre buone e bilanci sani. Se seguiamo le direttive dell'Uefa, il Genoa è una delle migliori in Europa».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari