cerca

Startup, l'innovazione incontra il food

Startup, l'innovazione incontra il food

Roma, 15 mag. - (AdnKronos) - Dalla farina di grilli all’olio di larve da scarafaggi: gli insetti arrivano sulle nostre tavole grazie anche alle startup sempre più attratte dal mondo del food. Lo dimostrano le 800 domande provenienti da tutto il mondo arrivate allo Startupbootcamp Foodtech, acceleratore di startup in ambito alimentare di Roma, che entro luglio ne dovrà selezionare 20. Di queste 20 poi ne verranno scelte 10 che, dopo 4 mesi di 'accelerazione', si presenteranno a investitori ed esperti in occasione del 'Demo Day'.

Il progetto è arrivato alla terza edizione e ha visto nascere diverse realtà, “alcune con prospettive molto interessanti come Elaisian, startup italiana che permette ai produttori di olio d'oliva di monitorare costantemente il proprio campo, prevenire le malattie degli alberi e incrementarne la produttività".

Così Matteo Fago, editore del Salvagente e tra i fondatori e finanziatori di Startupbootcamp Foodtech, racconta all’Adnkronos i risultati di questo progetto e spiega come mettere su una startup vincente. Un settore, quello delle startup, in cui Fago ha acquisito una certa esperienza: nel 1995, infatti, insieme a tre amici, ha dato vita a Venere.com, il primo sito per le prenotazioni alberghiere, venduto poi nel 2005 a Expedia per 200 milioni di euro.

Ma cos’è una startup e cosa la rende vincente? Sul concetto di startup, spiega Fago, “c’è molta confusione. Una startup non è solo una nuova azienda che nasce, ma si tratta di un’azienda con un modello business che potenzialmente può crescere moltissimo e che in pochi anni riesce a moltiplicare l’investimento”.

Per una startup vincente, l’innovazione non può mancare ma da sola non basta. Secondo Fago, infatti, “l’innovazione non è la caratteristica fondamentale di una startup, semmai è il modo attraverso cui la startup ottiene una crescita molto veloce”. Nell’immaginario collettivo, spiega Fago, “la startup crea un mercato che ancora non esiste ma non è sempre così. Per funzionare una startup deve trovare soluzioni nuove a problemi esistenti e puntare così ad una crescita molto veloce. Ed è per questo che su 100 startup che nascono solo una decina riescono ad avere risultati interessanti”.

Tra le startup dell’anno scorso troviamo Kiwi Campus (Sergio Pachon, Colombia), il servizio di food delivery per i campus universitari che adesso, racconta Fago, “in America sta sviluppando un sistema di consegna attraverso robottini”. Ma c’è anche l’indonesiana Biteback Insect, fondata da due ragazzi di 22 anni, in grado di produrre un sostituto dell'olio di palma grazie a un processo industriale che permette di ottenere olio da cucina dalla spremitura di insetti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari