cerca

La Capitale dei veleni

"Gravidanze a rischio per i roghi tossici"

Il professor Nicola Magnavita sui pericoli per la salute: "Le nubi dei falò di materiale plastico dannose anche a bassa concentrazione"

"Gravidanze a rischio per i roghi tossici"

«Personalmente sono veramente amareggiato: dovevo raggiungere una parte periferica di Roma per alcune visite preventive. Ma, percorrendo questa ventina di chilometri e vedendo colonne di fumo, plastiche buttate in mezzo ad alberi bruciati, mi sono chiesto: ma se questo è l’ambiente, che prevenzione possiamo mai fare noi?».

A domandarselo è il professor Nicola Magnavita, docente di medicina del lavoro all'Università Cattolica di Roma. Ecco, appunto, cosa possiamo fare contro questo tipo di inquinamento?
«I singoli non possono fare nulla: non si può certo smettere di respirare o mangiare prodotti, visto che non sappiamo se sono contaminati. Si può certamente segnalare tempestivamente i roghi tossici,ma è difficile. Purtroppo respiriamo ogni giorno una tale quantità di inquinanti,come capita anche a me girando con lo scooter per Roma: a me capita di diventare tutto nero, dal collo della camicia al naso, l’intera faccia».

Ma quando l’inquinamento contiene diossina che problemi provoca?
«Il problema principale della diossina è che è estremamente longeva: ha una vita di migliaia di
anni. E, quindi, se per disgrazia entra dentro il corpo umano, vive sicuramente più del malcapitato. È una sostanza che non riusciamo...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello