cerca

LA MESSINSCENA

Raggi partigiana canta Bella Ciao

Virginia pensa a farsi bella con gli antifascisti

RAGGI

La sindaca di Roma Virginia Raggi

Un evento importante, quello organizzato in Aula Giulio Cesare, con l’Anpi, nel giorno del novantacinquesimo anno dalla Marcia su Roma fascista. Importante, perché segue una settimana di polemiche non solo sull’iniziativa, poi bloccata dalla questura, di Forza Nuova che aveva riproposto la «Marcia» in chiave fascista, ma «condita» anche dalle vicende della Lazio. E si sarebbe potuta chiudere con il discorso del sindaco Virginia Raggi in cui ha sottolineato come «purtroppo qualcuno vorrebbe portare indietro la lancetta del tempo ma noi ci opporremo e ci impegneremo per una memoria collettiva e condivisa. Dobbiamo continuare a proclamare che Roma rimane orgogliosamente sempre antifascista». Un discorso da sindaco insomma, infarcito da qualche nozione storica, ascoltato da un Aula gremita non solo da esponenti dell’Anci. Peccato però che...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari