cerca

IL PROCESSO

Le motivazioni dei giudici: "Niente mafia. Solo corruzione nel Mondo di Mezzo"

Le motivazioni dei giudici: "Niente mafia. Solo corruzione nel Mondo di Mezzo"

La "mafiosità" cui più volte hanno fatto riferimento gli accusatori nel processo al "mondo di mezzo" non è quella "recepita dal legislatore nella attuale formulazione della fattispecie di cui all'art. 416 bis c.p. per la quale, non è sufficiente il ricorso sistematico alla corruzione ed è invece necessaria l'adozione del metodo mafioso, inteso come esercizio della forza della intimidazione". È quanto sottolineano nelle 3200 pagine di motivazioni della sentenza i giudici della decima sezione penale riguardo al processo cosiddetto Mafia Capitale che lo scorso 20 luglio ha portato i giudici della X sezione del Tribunale di Roma, presieduto da Rosanna Ianniello, ad escludere l'esistenza di un'organizzazione mafiosa. Massimo Carminati è stato condannato a 20 anni e Salvatore Buzzi a 19, mentre i giudici avevano rilevato  l'esistenza di due associazioni a delinquere semplici.

È impossibile, aggiunge il Tribunale in riferimento agli affari di Salvatore Buzzi e Massimo Carminati nella pubblica amministrazione, "attribuire mafiosità all'associazione volta al conseguimento illecito di appalti pubblici mediante intese corruttive: ai fini del reato di cui all' art. 416 bis c.p. è necessario l'impiego del metodo mafioso e, dunque, il reato non si configura quando il risultato illecito sia conseguito con il ricorso sistematico alla corruzione, anche se inserita nel contesto di cordate politico-affaristiche ed anche ove queste si rivelino particolarmente pericolose perché capaci di infiltrazioni stabili nella sfera politico-economica".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano volo [VIDEO]

Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari
Il crollo in diretta: ecco il video della voragine sull'Appia