cerca

DOPO L'INCHIESTA DEL TEMPO

Sequestrata a Roma la moschea della vergogna

Sequestrata a Roma la moschea della vergogna

La moschea di via Alò Giovannoli

La moschea di via Alò Giovannoli è stata sequestrata. Dopo anni di battaglie e di denunce da parte dei condomini e non solo, ieri i vigili hanno messo i sigilli ai locali. Oltre 500 metri quadri trasformati illegalmente in luogo di culto dall’imam che gestiva l’associazione. La polizia locale di Roma Capitale ha dunque provveduto al sequestro preventivo e probatorio e alla denuncia
sia dell’imam sia del costruttore. I reati contestati sono abuso edilizio e violazione delle norme di sicurezza. Un provvedimento arrivato quando i residenti avevano perso quasi le speranze di ottenere guistizia, e a distanza di mesi dall’aggressione verbale subita da Il Tempo proprio all’interno di quei box trasformati in sala per le preghiera. Era il 19 maggio quando, a causa delle minacce arrivate da alcuni esponenti della comunità bengalese, ci fu impedito di entrare all’interno dei garage dove si stava per svolgere la funzione religiosa.

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni