cerca

DOPO L'INCHIESTA DEL TEMPO

Sequestrata a Roma la moschea della vergogna

Sequestrata a Roma la moschea della vergogna

La moschea di via Alò Giovannoli

La moschea di via Alò Giovannoli è stata sequestrata. Dopo anni di battaglie e di denunce da parte dei condomini e non solo, ieri i vigili hanno messo i sigilli ai locali. Oltre 500 metri quadri trasformati illegalmente in luogo di culto dall’imam che gestiva l’associazione. La polizia locale di Roma Capitale ha dunque provveduto al sequestro preventivo e probatorio e alla denuncia
sia dell’imam sia del costruttore. I reati contestati sono abuso edilizio e violazione delle norme di sicurezza. Un provvedimento arrivato quando i residenti avevano perso quasi le speranze di ottenere guistizia, e a distanza di mesi dall’aggressione verbale subita da Il Tempo proprio all’interno di quei box trasformati in sala per le preghiera. Era il 19 maggio quando, a causa delle minacce arrivate da alcuni esponenti della comunità bengalese, ci fu impedito di entrare all’interno dei garage dove si stava per svolgere la funzione religiosa.

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello