cerca

L'AREA FRA TUSCOLO E TUSCOLANA DICHIARATA INFETTA

Bovini morti a Grottaferrata, è allarme antrace alle porte di Roma

Le analisi dell'Istituto Zooprofilattico di Lazio e Toscana rilevano sulle carcasse degli animali la presenza di "bacillus anthracis ". Un'ordinanza del sindaco dichiara la zona della Molara off-limits: "Vietato il pascolo e l'ingresso alle persone"

Bovini morti a Grottaferrata, è allarme antrace alle porte di Roma

È stato il bacillus Anthracis a sterminare i bovini nella zona della Molara, alle porte di Roma in una zona compresa tra i Comuni di Grottaferrata e Monte Compatri. La nota con la quale l'Istituto Zooprofilattico sperimentale di Lazio e Toscana ha confermato la presenza del terribile bacillo che ha provocato la morte di diversi capi di bestiame uccisi da carbonchio ematico, ha costretto la Asl di competenza, la Rm6 ad emettere una nota di prescrizioni poi raccolte dall’ordinanza emessa dal sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti.

Il documento, datato 1 settembre 2017, vieta nella vasta zona di diversi ettari compresa tra il monte Tuscolo (versante Grottaferrata), la Molara e la via Tuscolana fin oltre il confine con Monte Compatri il pascolo e l'ingresso alle persone. Nell'area dichiarata infetta il sindaco ha prescritto infatti ai titolari dell’allevamento dove sono state trovate le carcasse degli animali una serie di misure di sicurezza per limitare l’impatto dell’agente patogeno sugli altri bovini ma anche sull’uomo. Nell’area ricadono anche numerose abitazioni.

Di seguito l'ordinanza del sindaco di Grottaferrata

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina

Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello
Ostia, giornalista aggredito da Roberto Spada