cerca

FALLIMENTO CAPITALE

Commercio in crisi, Roma città chiusa

La crisi e scelte politiche sbagliate hanno mandato in rovina il settore. Troppa tolleranza verso gli abusivi, troppa burocrazia, troppe regole non rispettate

Vu’ cumprà, ecco i padroni della Capitale

L'andamento dei saldi è soltanto un emblema di come sta andando il commercio a Roma. Una lenta, ma inesorabile, discesa verso il basso perché di alti, ormai, se ne vedono proprio pochi. I commercianti sono letteralmente fiaccati dalla crisi. Continuano ad appellarsi alle istituzioni per ricevere aiuti, ma in realtà il più delle volte fanno fatica anche a trovare un interlocutore in grado di ascoltarli. La città arranca sotto il peso di un tessuto produttivo sempre più frammentato e formato da piccole e piccolissime imprese che non investono e se decidono di farlo scelgono di andare altrove.

Nel frattempo a Roma cresce il degrado, la sporcizia, i servizi per i cittadini diminuiscono o addirittura spariscono, la burocrazia e il peso delle tasse innescano il freno a mano per una possibile ripresa economica. E loro, i commercianti, gli esercenti, gli imprenditori, continuano a chiedere di lavorare insieme all'Amministrazione per trovare una soluzione. A volte non ci si rende conto delle vere emergenze, che sono...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni