cerca

SESSO CON LE STUDENTESSE

Baby squillo dei Parioli, pena record a un cliente condannato a due anni

La sentenza con rito abbreviato: l'imprenditore dovrà pagare anche duemila euro di multa

Due anni di reclusione in abbreviato (quindi con lo sconto di un terzo della pena) e duemila euro di multa: è la pena più alta che sia mai stata inflitta a uno dei clienti che frequentavano un appartamentino ai Parioli dove tra il 2013 e il 2014 si svolgevano incontri sessuali a pagamento con due studentesse all'epoca di 15 e 16 anni. Prostituzione minorile è il reato di cui rispondeva l'imprenditore Massimiliano L. condannato dal gup Elvira Tamburelli che ha accolto le richieste della Procura. L'imputato, in un primo momento, aveva negato ogni coinvolgimento nella vicenda preferendo attribuire la responsabilità a un suo dipendente, che si era pure addossato la colpa. Il pm Cristiana Macchiusi e il procuratore aggiunto Mario Monteleone, però, hanno accertato che questo dipendente non aveva mai visto in faccia neppure una delle ragazzine e che a presentarsi nel seminterrato ai Parioli era il suo datore di lavoro, condannato alla fine a due anni di carcere. Pena più alta mai decisa da un giudice, considerato che in questa inchiesta fino a oggi i tanti clienti, smascherati dagli inquirenti, hanno preferito chiudere i conti con la giustizia patteggiando una pena a un anno di reclusione e al pagamento di mille euro di multa. Quanto al filone principale, la parola fine della Cassazione risale al 19 ottobre scorso quando sono diventate definitive le condanne (fino a un massimo di 9 anni e 4 mesi di reclusione) di chi organizzava e sfruttava gli incontri sessuali. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Dall'elicottero ai Fori: il lancio mozzafiato con il Tricolore

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda