cerca

DA INIZIO ANNO UNDICI SUICIDI IN CARCERE

Trentenne s'impicca a Regina Coeli

Trentenne s'impicca a Regina Coeli

Ancora un suicidio dietro alle sbarre. L’ultimo a togliersi la vita è stato, la notte appena trascorsa, un bosniaco di 30 anni a Regina Coeli con l’accusa di tentato omicidio. Si è impiccato alla grata del bagno nella stessa sezione, la seconda, dove si uccise esattamente un mese fa un ragazzo di 22 anni e dove un solo poliziotto sorveglia centosettanta detenuti. Proprio ieri, e sempre nel carcere trasteverino, un uomo condannato a dieci anni di reclusione per violenza sessuale, si era arrampicato sul tetto dell’istituto penitenziario chiedendo di parlare con la direttrice. E’ stato portato in salvo dai vigili del fuoco riusciti a scongiurare quello che sarebbe stato il terzo morto in un mese solo a Regina Coeli. Nei primi mesi di quest’anno sono dieci i casi di suicidio e diciannove i detenuti morti nelle carceri italiane. Solo nel Lazio tre casi prima di quest’ultimo: il 7 gennaio a Cassino per malattia e lo stesso giorno a Velletri per un suicidio, così come era successo a Regina Coeli il 24 febbraio. L’anno scorso sono stati trentanove i suicidi e centoventi i morti, meno rispetto ai quarantatré del 2015, anno in cui a morire dietro le sbarre furono centoventitrè persone.
(foto Sara Cervelli)

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni