cerca

FEBBRE DA CAVILLO

Stadio della Roma, una scossetta e l'ippodromo viene giù

Inutile il veto della Soprintendenza sulla pensilina "a sbalzo" dell' ex galoppatoio. Per le norme antisismiche la struttura non sta in piedi. E c'è il giallo del collaudo

Stadio della Roma, una scossetta e l'ippodromo viene giù

C'è un rischio ben più vincolante che incombe sull' ex Ippodromo di Tor di Valle, al posto del quale dovrebbe sorgere il nuovo stadio della Roma. Più "condizionante" del veto chela Soprintendenza sta predisponendo in extremis per tentare di salvare la struttura, ormai vecchia di quasi sessanta anni. Un terremoto. Proprio così, un sisma di «forte intensità» che potrebbe causare danni irreparabili all'«edificio audacissimo con lo sbalzo maggiore mai realizzato in un' opera di cemento armato», così come lo ha definito la stessa sovrintendente Margherita Eich berg, firmataria della proposta di vincolo che ha bloccato per altri 120 giorni il sogno giallorosso.

L' area di Tor di Valle fa parte del territorio del IX Municipio della Capitale (ex XII), a sua volta ricadente nella «zona sismica 2B», individuata...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni