cerca

5 STELLE CADENTI

Caso polizze, Virginia Raggi si difende in tv: "Non mi dimetto ma ci avevo pensato"

Caso polizze, Virginia Raggi si difende in tv: Non mi dimetto ma ci avevo pensato

Il sindaco di Roma Virginia Raggi

Sorridente e in tailleur. La sindaca Virginia Raggi dopo essere stata travolta dal caso polizze si è difesa in tv, ospite della trasmissione "Bersaglio Mobile" condotta da Enrico Mentana e negli studi di La7 ha ribadito di non aver alcun rapporto sentimentale con l'ex capo segreteria Salvatore Romeo che l'ha registrata come intestataria di due assicurazioni sulla vita. Poi su Raffaele Marra ha ripetuto la versione già trita e ritrita: "Aveva quattro lauree, esperto della macchina capitolina". Tutto da copione per la prima cittadina che, chiamata a rispondere del caos polizze dopo l'interrogatorio fiume davanti ai pm, in televisione si è presentata preparata forte probabilmente dell'incontro pomeridiano con il responsabile della comunicazione dei Cinque Stelle, Rocco Casalino. Tant'è che alla domanda di rito dell'intervistatore, che l'accoglieva con un "come sta?" la Raggi ha risposto citando una battuta del celebre film Blues Brothers: "Potevo stare meglio... A questo punto mancano solo le cavallette". 

La vicenda polizze
Sul caso delle polizze la sindaca ha ribadito più volte di non sapere di essere la beneficiaria di due contratti assicurativi intestati a suo nome da Romeo. "Sto sentendo molte ricostruzioni fantasiose. Chi ha diffuso notizie false ne risponderà.La cosa più spiacevole di questa storia è stata non essere informata. Chiederò a Romeo di cambiare immediatamente intestatario. Questa cosa non la voglio e mi mette ansia il solo pensiero. Voglio pensare che sia stata una leggerezza in buona fede". La prima cittadina ha risposto anche sull'indagine che la vede coinvolta ed ha parlato e di Raffaele Marra l'ex responsabile delle Risorse umane, arrestato con l'accusa di corruzione. "Marra aveva un curriculum particolarmente importante, quattro lauree, conosceva bene i regolamenti e le delibere - ha ribadito la sindaca grillina - Ci ha aiutato a capire come funzionava la macchina lato amministrazione, non più lato consiglieri".

"Dimissioni? Ci ho pensato ma non lascio"
"Se le opposizioni mi dovessero chiedere le di dimettermi? Assolutamente no" dice la Raggi che spiega: "Credo che le difficoltà che abbiamo affrontato in questi mesi avrebbero sfiancato un toro. Non posso dire di non averci pensato alla dimissioni ma per Roma abbiamo un grande progetto e posso dire che questo merita rispetto". Ma nonostante, per ora, Beppe Grillo abbia confermato il suo appoggio alla sindaca pentastellata nel MoVimento Cinque Stelle c'è caos e attesa. Attesa per capire aspetti della vicenda che riguarda Virginia Raggi ancora oscuri e che assumeranno contorni più netti soltanto con l'avanzare dell'indagine dei pm. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni