cerca

CAOS A 5 STELLE

"Così Raggi ha difeso Marra e Romeo" Le accuse bomba dell'ex capo di gabinetto Carla Raineri E spunta pure Di Maio

Così Raggi ha difeso Marra e Romeo Le accuse bomba dell'ex capo di gabinetto Carla Raineri E spunta pure Di Maio

In principio fu Carla Raineri. È attorno alla sua nomina che gira tutta la vicenda che ha travolto i fedelissimi di Virginia Raggi e che, giurano i ben informati, presto travolgerà anche la sindaca. Il magistrato, nominato capo di gabinetto, è stata presto defenestrata, insieme all'assessore al Bilancio Marcello Minenna, e il motivo sarebbe stata proprio la guerra interna all'amministrazione con gli esponenti del "Raggio magico". Su tutti Raffaele Marra e Salvatore Romeo. Non a caso Raineri ha presentato un esposto (da cui sarebbe partita l'indagine sulle nomine che ha portato la Guardia di Finanza in Campidoglio).

E oggi che Raggi prova a salvare il salvabile rilancia, dalle pagine di Repubblica, le sue accuse. "Il clima che ho respirato - in Campidoglio - racconta - era surreale. Mi ha ricordato il film Le mani sulla città. Riunioni segrete, decisioni strategiche prese nel chiuso di una stanza ed affatto condivise con me. L’ho scritto anche nel "memoriale": ho trovato un gabinetto che era un guscio vuoto. Di fatto era stata costituita una struttura parallela, il cui capo era Romeo, che si comportava da padrone, con modi villani; mentre Marra, pur essendo formalmente il mio vice, riferiva direttamente alla sindaca. Io ero sempre bypassata. In un mese ho visto la Raggi in privato una sola volta e solo perché ho preteso un colloquio chiarificatore".

Raineri racconta di aver comunicato alla sindaca che non avrebbe avallato la nomina di Romeo capo della segreteria ("la ritenevo illegittima") e di averle chiesto di sostituire Marra, all'epoca suo vice, con un "colonnello dei Carabinieri". Il motivo? "Quando sono arrivata - prosegue - alcuni ufficiali della GdF e dei Carabinieri sono venuti nel mio ufficio per segnalarmi l’inopportunità di trattenere Marra nel gabinetto. Soprattutto di stare attenta perché lui aveva trascorso la sua vita a fare dossieraggi, ad acquisire informazioni per usarle poi come armi di ricatto".

Secondo il magistrato in più occasioni sia lei che Minenna avvertirono la sindaca. Ma lei non fece niente. "Ecco perché - conclude - ora deve dare una spiegazione vera del perché ha preferito tenersi Marra e Romeo, pugnalando me e Marcello alle spalle. Marra era il suo braccio destro. Lo sapevano tutti. In Campidoglio non si muoveva foglia senza l’avallo suo e di Romeo".
Quindi una "bomba" su Luigi Di Maio: "Io non l’ho mai incontrato. Ma a quanto mi ha riferito Minenna, per convincerlo ad accettare l’incarico di assessore Di Maio gli garantì che noi avremmo avuto mani libere. Poi però Marra e Raggi gli chiesero un incontro ed evidentemente ottennero il sostegno alla nostra eliminazione".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti

  • mario

    rossi

    11:11, 18 Dicembre 2016

    Virginia Raggi.

    Ovvero candidata per l'Oscar dell'arroganza, testardaggine, incapacita`, inconsistenza e menzognera. Per molto meno, una persona seria si dimetterebbe, ma una persona seria pero`. E non mi sembra questo il caso. Rimarra` attaccata al suo stipendio e alla sua poltrona come una cozza allo scoglio. Forse nemmeno Alfano lo sta facendo meglio.

    Rispondi

    Report

.tv

Diletta Leotta come non l'avete mai vista 

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi
Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"