SAN BASILIO

Si offre di accompagnarla poi la sequestra e la stupra

In manette un 36enne liberiano arrestato dalla polizia

Si è offerto di accompagnarla fino a casa approfittando del fatto che la giovane straniera, da poco a Roma, fosse disorientata e non riuscisse a ritrovare la sua abitazione. L.B.J., liberiano di 36 anni, è salito sull'autobus insieme alla vittima che fiduciosa ha seguito le sue indicazioni ed è scesa in via Tiburtina. Non ci è voluto molto per la giovane donna a comprendere che quella non era la sua zona.

L'uomo, che nel frattempo era sceso con lei, improvvisamente le ha serrato la bocca con una mano e l'ha trascinata all'interno di un edificio fatiscente occupato da persone senza fissa dimora. Ha poi bloccato la porta dietro di sé con un lucchetto, ha legato la ragazza, l'ha imbavagliata e poi ha abusato di lei. Dopo circa un'ora la vittima, riuscita a liberarsi del bavaglio, ha iniziato a chiedere aiuto. Le sue grida hanno attirato l'attenzione di un passante che ha telefonato alla Polizia. Gli agenti del commissariato San Basilio, giunti sul posto, sono riusciti ad aprire la porta e, nello squallore della stanza, su di un materasso buttato a terra, hanno trovato la donna ancora in preda al panico. Soccorsa dal personale del 118 è stata trasportata in ospedale per le cure. L'aguzzino, già noto alle forze dell'ordine, ancora all'interno della stanza è stato arrestato e condotto a Regina Coeli. Dovrà rispondere di violenza sessuale e sequestro di persona.

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.