cerca

NEL PARCO GIOCHI

Dopo otto anni torna a illuminarsi la ruota dell'Eur

Dopo otto anni torna a illuminarsi la ruota dell'Eur

È di nuovo illuminata, dopo otto anni, la ruota panoramica del Luneur Park. Un parco divertimenti completamente nuovo e moderno su cui «è stata fatta una scelta coraggiosa nel decidere di renderlo un family park, per bambini da 0 a 12 anni - ha spiegato l'amministratore delegato Filippo Chiusano - stringere il target ai soli bambini può sembrare rischioso ma noi crediamo che questo sia il modello del futuro». Otto lunghi anni in cui i lavori sono stati interrotti e ripresi più volte, battaglie legali sono state combattute e annunci di apertura si sono inseguiti e susseguiti «ma noi, in questo nostro anno di gestione, annunci non ne abbiamo fatti - ha sottolineato il presidente di Eur Spa Roberto Diacetti - ma oggi siamo qui e inauguriamo».
Otto anni che l'Ad di Luneur Park ripercorre così: «Quando siamo entrati il posto non era libero, né da cose né da persone ed è stato difficile lavorare seppur era nel nostro diritto». Le cose che ostacolavano erano «il degrado che si era accumulato negli ultimi cinque anni della precedente gestione - ha aggiunto Chiusano - Quando abbiamo partecipato alla gara eravamo gli unici, ma siamo stati vissuti come usurpatori dai precedenti gestori. È anche comprensibile, ma serviva un progetto nuovo. Così ci sono stati tanti intoppi burocratici e battaglie legali». Tra le persone che più intensamente si sono battute contro il cambio di target del Luneur gli ex giostrai «con cui la questione non si è risolta - sottolinea Chiusano - rispetto le persone che lavorano, ma noi volevamo portare avanti il nostro progetto». Un progetto basato su due principi «divertimento e sicurezza - ha spiegato invece il presidente del Luneur Antonio Abete - sulla sicurezza introdurremo un braccialetto per geolocalizzare il bambino nel parco, ma poi tutte le giostre sono nuove, tranne la ruota che è quella storica, ma è completamente rinnovata nella meccanica. Sul fronte del divertimento non lo intenderemo soltanto come gioco ma come edutainment, con attività ambientali, linguistiche o artistiche con il cinema 3d». Nel Luneur Park lavoreranno oltre 100 persone «la maggior parte sono giovani e donne» ha sottolineato Abete e l'intenzione è quella «di aprire altri parchi, su questo modello, in altre grandi città metropolitane».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni