cerca

MAXI OPERAZIONE INTERNAZIONALE

Tra i trafficanti di droga anche il primo laureato di Rebibbia

Tra i trafficanti di droga anche il primo laureato di Rebibbia

Dalla Repubblica Dominicana all'Europa passando per la Città Eterna. I Finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 14 persone (di cui uno morta a luglio), per traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Le investigazioni, condotte dagli specialisti del Gico del Nucleo di Polizia Tributaria della Capitale, prendono spunto dalla collaborazione internazionale tra il Comando Generale del Corpo e la Polizia Federale di Bruxelles la quale, nell'agosto 2014, ha fornito input informativi su un traffico di droga proveniente dalla Repubblica Dominicana e destinato a diversi Paesi europei. In questo contesto veniva segnalata, tra l'altro, l'operatività di un pregiudicato romano, Giovanni Arcuri, attivo in significativi traffici di droga sin dagli anni '80 ed all'epoca delle indagini in regime di libertà vigilata, tra l'altro appartenente al Gruppo teatrale del carcere di Rebibbia quale ex detenuto. Conseguentemente, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma - costantemente impegnata nel contrasto ai traffici internazionali di droga, che trovano nella Capitale un fondamentale snodo criminale - le Fiamme Gialle del Gico hanno individuato un sodalizio attivo a Roma, Verona, Perugia e in provincia di Latina. In particolare, le indagini hanno permesso di accertare come Arcuri, quotidianamente in contatto con l'avvocato Arturo Ceccherini - e non per questioni legali - insieme al narcotrafficante belga Victor Maria Joseph Bruydonx, fossero responsabili di numerosi tentativi d'importazione di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente dalla Colombia e dal Perù, destinati a soddisfare le piazze di spaccio di Roma e di Perugia, città - quest'ultima - in cui era particolarmente attivo il pregiudicato Carlo Avellini (deceduto il 26 luglio di quest'anno). Proprio in tale ambito, nel febbraio 2015, Ceccherini - avvocato del foro di Roma (di qui il nome dell'operazione) - era stato arrestato dalla Polizia olandese per traffico internazionale di stupefacenti, durante un «viaggio di lavoro» in Olanda, nel tentativo di importare 13 chili di cocaina, poi rivelatasi, a sua insaputa, non essere droga, e condannato in quel Paese. Parimenti, le attività investigative sviluppate dalle Fiamme Gialle capitoline, anche con l'ausilio dei colleghi belgi, spagnoli e olandesi, hanno consentito di rilevare come Arcuri fosse in contatto, per gli illeciti affari con Sergio Boeri, all'epoca in regime di semilibertà, praticante avvocato, noto alle cronache per essere stato il primo laureato all'interno del Carcere di Rebibbia. Quest'ultimo, in particolare, risultava a capo di un autonomo e strutturato gruppo criminale, al vertice del quale oltre a lui c'era il factotum Stefano Barbanera - emissario per i rapporti con l'estero - coadiuvati da Gabriele Merzari - pregiudicato veneto individuato come corriere - e dai sodali del basso Lazio Antonio Martone e Nicola Napoletano, tutti responsabili di numerosi tentativi d'importazione di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente dal Venezuela e dal Brasile. Al riguardo, è emerso come, nonostante l'apparente percorso riabilitativo intrapreso, Boeri insieme ad Arcuri, vantasse stabili contatti con narcotrafficanti di origine colombiana, attivi in Spagna, con i quali trattava l'acquisto di un ingente partita di cocaina, nell'ordine di 140 chili, destinata ad acquirenti contigui ad una cosca di 'ndrangheta calabrese, rappresentata in Spagna da propri esponenti; Boeri inoltre risultava in collegamento anche con un ulteriore pregiudicato romano, Guido Boccanera, a sua volta in contatto con il narcotrafficante venezuelano Robert Carlos Hernandez, di stanza in Spagna, oggi arrestato, in ordine all'organizzazione di distinti traffici di droga destinati alla Capitale. Con riguardo a quest'ultimo aspetto, i conseguenti approfondimenti hanno consentito, nel settembre 2015, di pervenire al sequestro, a Savona, di 1,1 chili di cocaina, con l'arresto, in flagranza di reato, non solo dei soggetti incaricati del trasporto ma anche dei fornitori colombiani, di stanza in Spagna, della sostanza. Ancora, le parallele attività d'indagine avviate nei confronti di Boccanera permettevano di acclarare la sua lucrosa operatività, coadiuvato da Mario Polia e da Fabio Zelli, in ordine a plurime attività di spaccio di droga, anche destinata a mercati fuori regione. In tale contesto, nell'ottobre 2015, venivano arrestati i fratelli Maurizio e Alberto Nucci, nonché il congiunto Gabriele Nucci per l'acquisto da Boccanera di 50 grammi circa di cocaina. I destinatari dell'ordinanza di custodia cautelate in carcere sono: Giovanni Arcuri; Carlo Avellini (agli arresti domiciliari ma si tratta di persona deceduta); Stefano Barbanera; Guido Boccanera; Sergio Boeri; Victor Maria Joseph Bruyndox; Arturo Ceccherini; RObert Carlos Hernandez; Antonio Martone; Gabriele Merzari; Nicola Napoletano; Claudio Piccirilli; Mario Polia; Fabio Zelli.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500