cerca

Scoppia una gomma. Paura sullo scuolabus abusivo

Francesca Mariani Mancava una manciata di chilometri all'arrivo, quando ad uno scuolabus con a bordo 38 alunni di una classe media romana, di ritorno da una gita a Monte Livata, è scoppiato uno...

Scoppia una gomma. Paura sullo scuolabus abusivo

Una pattuglia della Polstrada vigila al casello di Roma Nord

Mancava una manciata di chilometri all'arrivo, quando ad uno scuolabus con a bordo 38 alunni di una classe media romana, di ritorno da una gita a Monte Livata, è scoppiato uno pneumatico in autostrada. In quel momento, in quel tratto dell'A/24, si trovava a transitare una pattuglia della Polizia Stradale di Roma est che, per scongiurare qualsiasi rischio per i giovani viaggiatori e per gli insegnanti, si adoperava immediatamente per la messa in sicurezza del veicolo, provvedendo con l'ausilio di un altro equipaggio al trasferimento degli occupanti su un altro pullman che consentisse il raggiungimento della destinazione di arrivo. Gli agenti della Polizia Stradale, una volta terminate le operazioni di assistenza e viabilità, procedevano ad una approfondita ispezione dello scuolabus in avaria, riscontrando in effetti che tutte le gomme erano notevolmente usurate ma anche che il cronotachigrafo, il dispositivo che consente di registrare i tempi di guida e di riposo dell'autista, recava una sfasatura oraria di 12 ore. Non solo: nel corso del controllo emergevano ulteriori irregolarità riferite al conducente che, oltre a non avere al seguito la patente di guida, effettuava il delicato servizio di trasporto, per conto della ditta proprietaria del mezzo,«in nero». Eccesso di velocità, omessa revisione, dispositivi non funzionanti, mancato rispetto dei tempi di guida: queste ed altre le violazioni che la Polizia Stradale ha contestato, dall'avvio dell'iniziativa «Gite scolastiche in sicurezza», agli autisti e alle agenzie in occasione degli incessanti controlli sugli autobus destinati al trasporto degli alunni. Il trasporto scolastico in occasione delle gite e dei viaggi d'istruzione rappresenta un segmento troppo importante del trasporto collettivo di persone che va svolto, quindi, nella massima legalità. Fondamentale, perché una gita avvenga in sicurezza e i genitori possano aspettare i propri figli in serenità, è il controllo preventivo e l'attenzione rivolta dagli istituti scolastici alla scelta e alla regolarità delle imprese di trasporto, così come alla idoneità del conducente cui affidare il viaggio e alle condizioni generali del veicolo che deve compierlo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello