cerca

Certe cose succedono solo nella Capitale

Tavolini per mangiare all’aperto sopra i posti auto riservati ai disabili Accade in pieno centro storico e nessuno sembra farci caso

Certe cose succedono solo nella Capitale

A__WEB

In piazza della Cancelleria si consuma l'assurdo, simbolo di una città dove ormai il degrado è sotto gli occhi di tutti. Non bastassero gli abusivi, che vendono ovunque merce contraffatta di fronte allo sguardo distratto o impotente delle forze dell'ordine, le soste selvagge, i tavoli non autorizzati fuori dai locali, ora quei tavoli vengono messi anche sopra i posti riservati ai portatori di handicap. Piazza della Cancelleria rientra in quelli che il Municipio primo chiama piani zero e quindi non c'è alcuna possibilità di ottenere permessi per far sedere fuori i clienti. Eppure il gestore di questo esercizio, come gli altri due che insistono sulla stessa piazza, continua ad avere tavoli non autorizzati nell'incapacità generale dell'amministrazione di far rispettare le regole e arriva a farlo anche quando strisce gialle e cartelli di posti riservati vengono disegnati nello spazio che forse lui ritiene di sua proprietà. Una settimana fa è stata la volta di un altro esercente che ha un bar sul Lungotevere. Dal lato opposto della strada, su un albero, aveva appeso il menù con tanto di prezzi e di volantini offerta e un cartello dove era scritto il nome del locale. Un mese fa, durante un blitz della municipale, sono state scoperte coperture dei tavoli non autorizzati impiantati su una pedana a terra, abusiva anche quella. Qualche tempo prima c'è stato il caso di un altro titolare di un ristorante che aveva divelto il cartello dei posti riservati ai motorini per far spazio ai suoi tavoli.

Arroganza o goliardia, di certo la sicurezza di restare impuniti. Come spesso accade. Quella volta, così come forse anche è successo nel caso di piazza della Cancelleria, il Municipio ha deciso di disegnare a terra strisce gialle per delineare i posti auto riservati ai portatori di handicap. Il sistema ha funzionato allora, non oggi. La foto è inequivocabile e fa addirittura sorridere tale è la sfrontatezza di chi pensa di avere ragione contro tutto e tutti. Se non fosse che da ridere c'è ben poco quando si ha a che fare con i problemi veri della gente. Stona, se non fa addirittura orrore vedere che si possa cercare profitto mettendo un tavolino, mentre si toglie a chi è meno fortunato degli altri il sacrosanto diritto di trovare facilmente posto per la propria auto. E qui non c'entra il braccio di ferro tra esercenti e Amministrazione, di fronte a simili comportamenti ci sarebbe solo da fare ammenda.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni