cerca

Svolta nel tumore al seno Scoperte nuove terapie

Èormai largamente dimostrato che l'iperespressione del recettore Her2 è associato a un tipo di carcinoma mammario particolarmente aggressivo. L'introduzione nella pratica clinica dell'anticorpo monoclonale contro il recettore Her2 (trastuzumab) ha modificato significativamente la storia naturale del tumore mammario Her2 positivo e un'accurata determinazione dello status di Her2 gioca un ruolo fondamentale nel trattamento di questa neoplasia. In un recente studio pubblicato su Clinical Cancer Research, i ricercatori Ire hanno osservato che l'espressione del recettore Her2 può subire modificazioni, sia da negativo a positivo che viceversa, dal tumore primitivo alla metastasi. Pertanto, una percentuale di pazienti potenzialmente non candidabili al trattamento con trastuzumab, in fase avanzata di malattia, potrebbero giovarsi del noto farmaco anticancro. «Tale risultato - sottolinea la dottoressa Alessandra Fabi, del Dipartimento di Oncologia Medica Ire - ha una importanza rilevante per il beneficio clinico che le pazienti possono ottenere dall'effettuare un trattamento con trastuzumab alla ricaduta di malattia. Pertanto è fortemente consigliabile nella pratica clinica, là dove ci sono sedi di ripetizione di malattia che possono essere sottoposte a biopsia, rideterminare lo status di Her2».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari