cerca

Scoperti altri dieci parcometri manomessi

Idue stranieri, con delle piccole stecche di legno messe a incastro, a bloccare lo sportellino per la discesa delle monete di alcuni parcometri, facevano credere agli ignari automobilisti che le «macchinette» non emettessero il resto a causa di un malfunzionamento. I carabinieri, in seguito alle numerose segnalazioni ricevute dai cittadini, sono riusciti a svelare il mistero del «virus» che sembrava avesse contagiato le erogatrici dei tagliandi per i parcheggi del quartiere. I due, un bielorusso di 56 anni e un pregiudicato ucraino di 43 anni, erano stati arrestati in piazza del Tempio di Diana dai carabinieri mentre stavano armeggiando ad uno dei parcometri risultati in seguito sabotati.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Clochard accoltella poliziotto: paura in via Appia Nuova

"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...", intervista esclusiva a Ciro Immobile
Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente
Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie

Opinioni