cerca

Costi metro C, vertice al Cipe

Costi metro C, vertice al Cipe

La talpa meccanica

Una cifra destinata a crescere già nella sua prima tratta. Sono infatti all'esame del Cipe (che potrebbe decidere già nella seduta di oggi) le varianti della tratta fondamentale (Pantano/Clodio/Mazzini) e la relativa rimodulazione dei quadri economici. Come già anticipato da Il Tempo pochi mesi fa, gli incrementi più rilevanti riguardano le opere di salvaguardia degli edifici storici e dei monumenti, che segnano già un aumento di spesa di 124 milioni di euro. Non da meno le stazioni, che segnano un più 100 milioni di euro; per le migliorie impiantistiche si chiedono invece 10 milioni in più, per il materiale rotabile 48 milioni e per le spese tecniche 30 milioni.

 Discorso a parte per il progetto preliminare della complessa tratta T2, cioè da Colosseo a Clodio/Mazzini. Rilievi e indagini su terreno, edifici storici, monumenti, in particolare per la stazione Venezia segnano già un incremento dei costi di circa 14 milioni. Tracciando la somma solo per questi incrementi la cifra lievita di 326 milioni di euro. Per quanto riguarda le stazioni, merita ricordare le varianti proposte per quelle di San Giovanni e Colosseo. Per la prima si propone di realizzare la linea C al di sotto della linea A e lo spostamento della stazione Amba Aradam a piazzale Ipponio. Per quanto riguarda invece la stazione Colosseo, in corrispondenza di via dei Fori imperiali, si sta prevedendo di realizzare due manufatti indipendenti a servizio delle linee B e C che, seppure collegati in quanto stazioni di scambio, comportano oneri di gran lunga superiori rispetto a quelli previsti nel progetto preliminare, segnando appunto un incremento di cento milioni di euro.

Ma non è tutto. Al di là di progetti e lavori tecnici, sono state inserite anche delle varianti per migliorare la sicurezza con nuovi interventi tecnologici. Si propone, ad esempio, il sistema Wi-Fi per applicazione di connessione senza rete, come ad esempio la videosorveglianza nelle gallerie e consentendo l'accesso wireless alle immagini provenienti da treni, gallerie, aree esterne alle stazioni; per la video informazione al pubblico si propone un incremento da 4 a 6 monitor per vagone, portando il numero dei monitor per ciascun treno da 24 a 36. Ancora, l'estensione della copertura video delle stazione alle aree non coperte dalla video sorveglianza. Si tratterebbe in questo caso di un sistema "intelligente" in grado di rilevare le condizioni critiche per la sicurezza, come ad esempio un bagaglio incustodito, elevato affollamento, comportamento anomalo, accesso ad aree protette.

Queste varianti comporterebbero un incremento dei costi pari a 35 milioni 687 mila euro, passando così dai 7,7 milioni previsti nel progetto esecutivo a 43,4 milioni con il progetto di variante. Sono queste alcune delle varianti che presto dovranno superare l'esame del Cipe per il via libera definitivo. Un «voto» che potrebbe arrivare già oggi nella prevista riunione pomeridiana.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano volo [VIDEO]

Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari
Il crollo in diretta: ecco il video della voragine sull'Appia

Opinioni